EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - Economia

“La realtà virtuale è il futuro”

22/07/2019 - numero Edizione 1575

“La realtà aumentata è già qui, ma la realtà virtuale è il futuro". Così afferma Nikhilesh Ponde, responsabile global travel strategy di Facebook, nel corso di un evento di Phocuswright parlando del set Vr completo Oculus Quest, disponibile in meno di dieci giorni. Ponde passa quindi al nuovo product catalogue di WhatsApp, che consente agli hotel di elencare i loro prodotti direttamente nell'app di messaggistica istantanea.
A parlare di innovazione è anche Olivier Gremillon, vp global segments su Booking.com. "L'anno scorso avevamo 40 milioni di utenti che prenotavano un appartamento – esordisce - e quello che abbiamo scoperto è che sempre più utenti prenotano sia gli hotel che le case, piuttosto che gli hotel o le case". Alla domanda sulla fusione di Villas.com in Booking.com, Gremillon commenta che "gli utenti vogliono avere tutto nella stessa piattaforma". "Tutti sapevano che sarebbe successo a un certo punto", dice Gremillon a proposito del recente lancio del sito web di Google Travel, ammettendo che "è un ottimo prodotto". D'altra parte, è scettico sul fatto che Amazon entri (di nuovo) a breve termine nel travel. Ma è Thijs Van As, lead product manager di Google Flight, a spiegare l’obiettivo della nuova piattaforma Trips: "Desideriamo che gli utenti siano in grado di passare facilmente dalla ricerca di voli alla ricerca di hotel alla ricerca di esperienze. Vogliamo offrire una user experience completa e onnicomprensiva nel travel". 

Le tendenze europee
In tema di tendenze in Europa, Maggie Rauch, senior director research di Phocuswright, svela che il Vecchio Continente è stato testimone di un "calo dei viaggiatori alto-spendenti", ma l'industria rimane stabile o, per usare le sue parole, "resiliente". Di  ledger immutabile, controllabile e trasparente parla invece Nadim El Manawy, ceo di Arise Travel: “E’ un database e un network combinati, nessuna necessità di Api, mapping o dati memorizzati nella cache". La frammentazione dei dati è un problema importante nel nostro settore e la tecnologia Dlt può offrire agli hotel un maggiore controllo sul loro inventario, sulla distribuzione e persino sulla gestione delle commissioni.                      



Silvia Pigozzo

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte