EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - Speciale - Lungo raggio

Il lungo raggio si fa sempre più corto

18/06/2018 - numero Edizione 1551

Si viaggia di più grazie all’aumento dei voli mentre la maggiore conoscenza delle mete
permette ai t.o. di proporre itinerari originali

A Ovest Usa e Canada, mentre a Est Thailandia e Giappone. Queste le due “direttive” principali dei viaggi a lungo raggio del 2018 secondo alcuni dei principali operatori italiani. Sul charter, il gruppo Alpitour, grazie alla compagnia di proprietà Neos, punta tutto sull’Oceano Indiano, che continua a farla da padrone, con Maldive e Madagascar in testa, ma ottime performance si vedono anche sul Kenya, tornato in modo importante sulla scena, e su Zanzibar. L’operazione Phu Quoc in Vietnam, per Alpitour registra una “ottima chiusura”(la stagione va da novembre ad aprile e si è appena conclusa), al punto che “in questa zona stiamo guardando anche ad una nuova destinazione da far debuttare per il prossimo inverno”, fanno sapere dal t.o. Sul lungo raggio di linea vanno sempre bene Usa e Canada. In generale gli Stati Uniti sono al primo posto tra le destinazioni lungo raggio degli italiani. Stando alle previsioni dell’Ente di promozione statunitense, l’Italia ha un potenziale di crescita degli arrivi del 22% entro il 2022, mentre nel 2017 la stima è di una chiusura a +3,4% con 1,02 milioni di visitatori, anche se le statistiche sono in fase di riconteggio per alcuni errori rilevati dall’Ntto.
Il Belpaese è il 12esimo mercato internazionale ed il quarto dall’Europa. Conta per il 2,6% di tutti gli arrivi internazionali. E proprio sugli Usa, il trade italiano ha iniziato a diversificare la proposta, per far conoscere altri angoli del Paese. 

Verso Est
In Asia continua l’andamento positivo del Giappone per il gruppo Alpitour, insieme a Thailandia, Laos e Birmania. La Thailandia prevede di consolidare i risultati grazie anche all’avvio da settembre dei voli diretti di Air Italy. Insieme a quelli di Thai Airways arriveranno a 9 i collegamenti settimanali tra l’Italia e il paese del sorriso. Si accorciano un po’ le distanze. La voglia di lungo raggio, soprattutto verso Oriente è favorita anche dalle tariffe aeree competitive sul volato di linea proposte da molte compagnie. Come Cathay Pacific che da due anni, con Imbarco Immediato e Pronti al Decollo, lancia ogni mese diversi sconti per volare su Hong Kong e su altre destinazioni emergenti in Asia, come le Filippine. Anche Singapore Airlines spinge il turismo verso la Città del Leone (e non solo), favorendo i flussi crocieristici e quelli legati ai grandi eventi. Il prossimo 18 settembre, in occasione della Formula 1 Singapore Grand Prix, la compagnia ha introdotto un servizio aggiuntivo tra la città e Milano Malpensa portando a 10 i voli settimanali tra le due destinazioni. “Le ultime statistiche, relative al primo trimestre 2018, mostrano un incremento importante delle visite da parte degli italiani: +56,32% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Il risultato è trainato da un aumento significativo degli arrivi via mare (+234,05%), grazie anche alle nuove crociere varate sulla destinazione”, dice Brigitte U. Fleischauer, area director central & southern Europe Singapore Tourism Board.

Focus Oriente
“Molte delle destinazioni Quality Group a lungo raggio registrano una buona crescita. Nello specifico, Oriente ed Estremo Oriente, curate da Mistral Tour ed Exotic Tour, continuano a destare un interesse crescente da parte dei consumatori. Giappone, Birmania, Indocina, India, Sri Lanka, Thailandia, Indonesia e Malesia sono dei veri best seller con crescite medie intorno al 12% rispetto al 2017”. Così Marco Peci, direttore commerciale di Quality Group. Il Giappone è protagonista anche della programmazione di quest’anno di Raro by Nicolaus, insieme all’India, con esperienze uniche pensate per diversi target e tailor made. Grande attenzione è riservata al settore honeymoon che sembra prediligere il paese del Sol Levante. I tour, sia per gruppi sia su base privata, sono dedicati alla scoperta di città come Tokyo, Kyoto e Osaka. L’offerta è integrata da esperienze, quali il soggiorno in un monastero, il bagno in onsen e le escursioni nelle risaie. Sul lungo raggio il t.o. ha in catalogo 18 tour, tra Emirati, Oceano Indiano e Oriente. Tra le mete più popolari ci sono anche Thailandia e Malesia. Quest’ultima segna un andamento interessante per il nostro mercato. L’Italia è il 5° paese come numero di arrivi dall’ Europa, ma il terzo in termini di spesa giornaliera. Per questa reddittività restiamo tra i più importanti in Europa. Secondo l’Ente del Turismo gli italiani spendono una media di 125 euro al giorno, dopo UK con 138,4 euro e Russia con 131,6 euro. ln termini di numeri il 2017 si è chiuso con 44.638 arrivi (+ 4.4% rispetto al 2016). Il 2018 è iniziato molto bene con un aumento del 18% degli arrivi, a quota 4.683. (3.966 nel gennaio 2017). L’Ente si sta promuovendo, tra gli altri, in partnership con Korean Air. La compagnia coreana sta infatti incrementando i collegamenti verso il Sudest asiatico con 25 destinazioni raggiungibili via Seul dall’Italia. La stessa Corea del Sud sta emergendo grazie all’attuale clima di distensione politica nell’area. Nel 2018 sono attesi 18 milioni di turisti: una crescita di 3 milioni rispetto al 2017 (circa 13 mln quelli registrati) e una chiara ripresa. “Questo può certamente favorire anche i flussi internazionali dall’Italia che attualmente vede 44.080 visitatori nel 2017”, ha spiegato Steve M. Kang, direttore generale del Korea Tourism Organization a Parigi, durante la settimana di promozione Korea Week di Milano. A favorire la crescita di tali numeri, oltre ai voli Korean Air, è stato anche l’avvio a maggio del nuovo collegamento diretto da Venezia a Seul operato da Asiana Airlines. L’India è tra le mete favorite secondo Amo il Mondo, il lungo raggio di Settemari. “Registriamo apprezzamento da parte di adv e viaggiatori grazie al taglio particolare delle nostre proposte che contano oltre 10 tour di differente durata, dai classici a itinerari diversi come le Isole Andamane”, spiega Roberto Servetti, direttore prodotto Amo il Mondo. Bene anche l’Himalaya e nell’area del Pacifico le isole Samoa. Infine la Thailandia resta tra le mete best seller del t.o. con Phuket, Kho Samui, Kho Tao e Koh Pha Ngan. In evidenza anche il Madagascar e Bali, grande classico, sempre molto amata e versatile da abbinare alle altre isole indonesiane.    
 



Alessandra Gesuelli

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte