EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - Economia

IgV e il progetto delle agenzie “amiche”

12/02/2018 - numero Edizione 1541

L’operatore vuole spingere sui partner

Evoluzione del prodotto  e capillare presenza sul territorio. Attorno a questi due assi ruota l’evoluzione de I Grandi Viaggi. Ne parliamo con Corinne Clementi, ceo dell’operatore, e con Ciro La Rocca, responsabile vendite Italia. “Da un anno e mezzo i product manager che sono entrati in azienda hanno portato la loro professionalità e così abbiamo riportato il marchio agli anni ‘50-60 in cui eravamo  leader nel tour operating. Negli ultimi 15 anni – aggiunge – eravamo visti solo come villaggio e noi stessi ci eravamo dimenticati di questa nostra prerogativa”.
“Da due anni a questa parte – conferma Clementi – il settore viaggia agli stessi ritmi dei villaggi e l’alta qualità del booking ora fidelizza direttamente l’agenzia. E’ stato premiante – sottolinea ancora il ceo - collegare anche il prodotto Italia nella nostra piattaforma (eMinds). Partiremo da  marzo-aprile con il mare e poi vedremo se fare lo switch in alta stagione, perché la piattaforma bisogna saperla utilizzare bene”.
I viaggi combinati, in Oceano Indiano specialmente, si sono rivelati il best seller dell’inverno. “Abbiamo avuto una richiesta elevata su Zanzibar, Seychelles – spiega Clementi - perché abbiamo lavorato con umiltà, con persone dalle grandi competenze e abbiamo condiviso l’approccio di metterci in gioco”. Il catalogo viaggi di nozze è un esempio del lavoro di tailor made, con 98 idee di viaggio che sono degli spunti su cui si può ritagliare qualcosa di ancora diverso. “Le fiere sposi – assicura La Rocca – hanno dato un ottimo riscontro in termini di visibilità”.
Ora il lavoro prosegue sulla ricerca di agenzie amiche, “che vogliano scommettere qualcosa con noi”, dice Clementi. La domanda, secondo l’operatore, non ha mai avuto flessioni ed è in ascesa, con tanti preventivi e un tasso di chiusura pratica del 15-16% per gli Stati Uniti. “I nostri product manager – aggiunge Clementi - sono praticamente dei commerciali. E il miracolo si è verificato: non credevamo che le agenzie ci seguissero così, le devo ringraziare”.

Operazione
commerciale

La prima iniziativa commerciale della stagione è partita ed è  valida fino al 31 marzo: la campagna  prevede uno sconto di 150 euro per cliente e un piano incentivante crescente per le agenzie, “che con 4 pratiche possono ottenere 750 euro di over”, annuncia La Rocca.
Non sarà una promozione a spot, perché la strategia commerciale avrà, nel corso dei prossimi mesi, un fil rouge organico. L’obiettivo è andare oltre. “La promozione Blue Summer sui villaggi Italia prevede – spiega il responsabile vendite - per chi prenota entro il 31 marzo, un advanced booking del 30% sul villaggio in Italia (l’anno scorso era il 25%) e si trova un volo in promozione con trasferimento. In più per  chi prenota il solo land nei villaggi di Marispica e Santa Clara c’è la promozione di 105 euro ad adulto, che è cumulabile con la Blue Summer in tutti i periodi”.
“Adottiamo la politica della trasparenza e il nostro sogno è quello di avere degli iGv point portando avanti un discorso continuativo”, fa sapere Clementi. Quello degli IgV point o agenzie amiche è un vero e proprio piano, che attualmente conta 800-1000 punti vendita su 8mila che ricevono offerte e cataloghi dell’operatore, di cui 3400 agenzie di viaggio monopratica e 2200-2300 agenzie più attive.
L’operatore sta perfezionando anche il format villaggi, rivedendo i menu con gli chef stellati per garantire sempre proposte in linea con i tempi. IgV sta rivedendo la cucina, la mise en place del buffet. Sul fronte digitale il t.o. sta sviluppando una app visibile in Facebook (400mila i contatti), una comunità che si automodera e partita dal blog, ora attiva su più livelli. E’ stata aperta la parte destinata alle agenzie. Intanto prosegue il roadshow che vede l’operatore impegnato su Padova, Brescia e Piacenza.
Per quanto riguarda i villaggi pensate di integrare l’offerta, tenuto conto che avete rinunciato a qualche struttura? “Abbiamo la novità del Blue Bay in Kenya, che aprirà – dichiara La Rocca – e così potremo riprendere il fatturato di Cuba. Alle Maldive abbiamo triplicato il Velavaru con più camere  e raddoppiato Dubai”. Poi le due proprietà di Le Castella e Gressoney rientreranno in portafoglio a scadenza del contratto nel 2019.                              
 



Laura Dominici

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte