EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - NoFrills 2014

Azemar rompe gli schemi

22/09/2014 - numero Edizione 1453
Azemar pensa positivo in merito alla stagione estiva in via di chiusura. Il motivo della sua soddisfazione dipende in particolare dal florido mercato dei viaggi di nozze. A contribuire al sentiment è anche la componente dei safari in Tanzania e a Zanzibar, dove l’operatore è presente con il Gold Zanzibar Beach House & Spa . "La destinazione ci sta dando grandi soddisfazioni - dichiara l'a.d. Mariarosaria Campora - registriamo un incremento del 50% rispetto al 2013. Qui abbiamo da poco inaugurato una nuova Spa gestita dal gruppo internazionale Healing Heart, oltre ad un nuovo kid club; a disposizione degli ospiti anche la Gold cruise, una barca ormeggiata davanti all’hotel per organizzare escursioni o aperitivi al tramonto”.
Gli ottimi risultati della struttura derivano dalla risposta sia del mercato italiano e sia del mercato estero. Azemar punta ad ampliare il target: “Dobbiamo metterci a piena disposizione per cogliere l’esigenza del cliente – spiega Campora in un’intervista a Guida Viaggi -. Anni fa l’operatore confezionava un prodotto e lo offriva al mercato, ora l’approccio al lavoro è completamente l’opposto : dobbiamo partire dal cliente, dalle sue esigenze (di prezzo, di durata, di aeroporto di partenza). Restare ancorati a schemi vecchi ha fatto allontanare i clienti dal canale tradizionale delle agenzie di viaggi”.
Sul fronte prodotto il t.o. riconferma la sua posizione di leader alle Maldive con l’esclusiva di 3 isole: club Rannalhi, Olhuveli Beach & Spa e Vilu Reef Beach & Spa. “Oltre a queste collaboriamo con altri 30 resort – aggiunge la manager -. Per noi di Azemar è prioritario metterci a disposizione dell’agenzia di viaggi per confezionare su misura la vacanza che il loro cliente sta cercando”. In termini commerciali l’impegno verte sul consolidamento del rapporto con ogni singolo punto vendita. “Vogliamo costruire un rapporto che non sia solo un codice di prenotazione – conclude - e un semplice rapporto occasionale. Le agenzie devono conoscere il nostro prodotto, il nostro booking”.

Laura Dominici

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte