EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - Mercati esteri

In Norvegia europei in calo

18/03/2013 - numero Edizione 1398
Un anno difficile il 2012. Lo rileva anche la Norvegia turistica, che registra un calo, da gennaio a novembre, dei pernottamenti dei visitatori italiani del 17%. A spiegare questo dato Elisabeth Ones, direttore Turismo di Innovasjon Norge in Italia, chiama in causa il rallentamento economico in Europa e il rafforzamento della corona norvegese: “Ovviamente il livello dei prezzi in Norvegia è un tema molto sentito dai t.o. che programmano la nostra destinazione, senza dimenticare il fatto che il nostro Paese non è da considerarsi, per tanti motivi, una meta adatta al last minute”.
Il calo non è comunque solo dall’Italia: quasi tutti i mercati europei dove l’ente norvegese è presente segnalano dei dati negativi, ad eccezione di Inghilterra e Svezia. “Altri mercati in positivo sono Giappone, Cina, Corea del Sud, mentre gli Usa segnalano un dato negativo”.
Meno italiani, ma sempre affezionati alle medesime mete: la regione più apprezzata dal turista nostrano si conferma la Norvegia dei fiordi e, a seguire, il grande Nord, con le isole Lofoten e Capo Nord. L’hotel rimane sempre la scelta di pernottamento preferita (76%), mentre sta aumentando la percentuale di viaggiatori che sceglie esperienze particolari, come ad esempio i safari di osservazione delle balene in estate e quello delle orche in inverno. In crescita anche i pernottamenti nelle fattorie di charme, senza dimenticare l’interesse per tutte le attività all’aperto, dal trekking al biking, alla pesca.
Al lavoro a contatto molto stretto con gli operatori che programmano la meta, l’ente del Turismo orienterà, come in passato, il proprio investimento, in termini di comunicazione, allo sviluppo di visitnorway.com: “Stiamo migliorando costantemente gli itinerari suggeriti con mappe aggiornate, sono stati inseriti nuove foto e filmati e il sito è in costante movimento”. Sul fronte trade la novità dell’anno scorso è stata una piattaforma di e-learning dedicata agli adv: “Il progetto nasce da una collaborazione fra enti scandinavi, 3 operatori e Sas. La partecipazione è stata soddisfacente e abbiamo pensato di ampliare la piattaforma per il 2013, pur non avendo ancora definito in dettaglio l’aggiornamento”.

Emanuela Comelli

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte