EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > RUBRICHE - articoli

Al via Ipw a Denver

La delegazione italiana porta 24 buyer. Aspettative ottimali di andamento della destinazione. Presenti anche aziende del settore Mice

Il mercato italiano del turismo verso gli Stati Uniti registra un incremento di arrivi di rilievo. “Tra i primi dieci mercati emissori, la crescita dell'Italia nel 2017 è la più alta, seconda solo alla Corea del Sud – spiega Massimo Loquenzi, International advisory committee (Iac) chair di Ipw -. Le statistiche del Department of Commerce Ntto (National Travel & Tourism Office) sono ferme al settembre 2017, (stanno ricontando il 2016 e non si sa quando avremo i dati aggiornati), ma nei nove mesi l'Italia fa registrare 759mila672 arrivi con un + 3,4% rispetto al 2016. Con questa progressione, nei conteggi a fine 2017 avremo superato di nuovo il milione di visitatori, come due anni fa”.

E’ imminente la partenza della delegazione italiana per Ipw, fiera b2b americana di turismo che ogni anno cambia città e quest’anno si terrà a Denver (Colorado). “Il gruppo è composto da 24 leisure buyer, di cui tra la new entry ci sono Go America di Ancona con Paolo Tarquini e Traveller di Follonica (Grosseto) con Carlo Barbafieri – continua Loquenzi -. Due sono i buyer del settore Mice, dei quali un ‘newcomer’, The Lab Marketing di Milano con Raffaella Lodola”.

Aspettative

Il comparto si aspetta un’ottima “annata” di viaggi verso gli Usa. “A giudicare dai commenti entusiastici raccolti durante Showcase Usa  Italy a Venezia da tour operator, agenti di viaggio, car rental, compagnie di navigazione e vettori, si prospetta una performance ancora migliore di quella attesa nel 2017 – osserva-. Ne sono la prova il lancio dei voli low cost di Nowegian da Roma per New York, Los Angeles e San Francisco. Ma anche tra le compagnie legacy con gli aumenti di capacità sulla Roma per Dallas di American Airlines e sulla Roma per Los Angeles di Alitalia, infine il lancio del nuovo volo diretto da Venezia per Chicago, sempre di Aa”.

Cinquant’anni

Quest’anno Ipw taglia il traguardo dei cinquant’anni. “Nonostante i decenni e l’avanzare dell’econmia digitale che impatta sugli eventi, sempre nuovi tour operator partecipano al più importante workshop, vera e propria kermesse dell'industria del turismo statunitense”, aggiunge Loquenzi. “Numerosi anche i giornalisti accreditati, ben dieci, e poi, novità assoluta, per la prima volta la Us Travel Association ci ha chiesto di invitare un social influencer, e la scelta è caduta su Manuela Vitulli con il suo blog Pensieri in Viaggio. Infine, accompagnano la delegazione Lia Maiorca, segreteria dell'associazione Visit Usa Italy, e per Us Commercial Service, Luisa Salomoni e Donatello Osti”.

Il programma

Il programma è un sapiente mix di business e networking tra i congressisti. Incentrato, come sempre, sulla conoscenza della destinazione ospite, che investe milioni di dollari nell’organizzazione, impiegando un anno intero. Di giorno si svolgono gli appuntamenti prefissati e obbligatori per tutti i partecipanti (paganti), al convention center, mentre di sera si tengono gli eventi nella “Mile high city”, la porta d’accesso delle Rockies, che deve il nomignolo all’altitudine 1.600 metri cui si trova. “L’accoglienza dei cinquemila delegati internazionali di domenica 20 maggio si tiene al Performing arts complex – continua Loquenzi-. Proseguiamo lunedì 21 al Mile high stadium, lo stadio della squadra di football americano Broncos, e chiuderemo con ‘Rhythm and the Rocks’ nello spettacolare Red Rock Park & Amphitheater, un parco di rocce di arenaria rossa utilizzato per concerti e spettacoli, dove si sono esibiti i grandi della musica, dai Beatles in poi”.  p.ba.

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us