EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Indennità, domanda entro il 15 dicembre

03/12/2020 12:12
L’aiuto arriverà in automatico per chi ha ricevuto il ristoro ad agosto; confermata la platea ma sono cambiati i requisiti per l’accesso

Con il decreto Ristori quater (Dl 30 novembre 2020, n. 157) arriva una ulteriore indennità a favore di particolari categorie già beneficiarie degli interventi disposti dai precedenti decreti emergenziali: si tratta dei lavoratori dei settori del turismo, degli stabilimenti termali e dello spettacolo e dei lavoratori atipici che hanno cessato, ridotto o sospeso la propria attività a causa degli effetti della pandemia Covid-19.

L’articolo 9 del decreto, in particolare, spiega Il Sole24 Ore, riproduce sostanzialmente lo schema varato a maggio con il decreto Rilancio (articolo 84, Dl 34/2020) e già replicato con il decreto Agosto (articolo 9 del Dl 104/2020) e con il primo decreto Ristori (articolo 15 del Dl 137/2020), disponendo una ulteriore indennità di mille euro a favore di alcune categorie di lavoratori che non possono usufruire degli ammortizzatori sociali previsti per i dipendenti. Si ricordano, infine, le analoghe indennità previste, a inizio pandemia, dal decreto Cura Italia (articoli 29 e 38 del Dl 18/2020).

In sintesi, la platea soggettiva dei beneficiari è stata confermata, ma cambiano i requisiti al decreto Agosto, prosegue il quotidiano. Per identificare il novero dei beneficiari, quindi, occorrerà riferirsi in primo luogo ai lavoratori che hanno già fruito dell’indennità prevista dall’articolo 9 del decreto di Agosto, che riceveranno in automatico il nuovo indennizzo.

Per coloro che, invece, non hanno beneficiato della indennità di agosto, occorrerà verificare le condizioni previste dall’articolo 9 del Ristori quater, in analogia con quanto già contemplato dal primo decreto ristori relativamente all’indennità di ottobre.

È il caso dei lavoratori dipendenti stagionali del settore turismo e degli stabilimenti termali per i quali la possibilità di beneficiare del nuovo indennizzo è condizionata al soddisfacimento dei seguenti requisiti: a) aver cessato involontariamente il rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 30 novembre 2020; b) aver totalizzato almeno 30 giornate lavorative nel periodo; c) non essere, al 30 novembre 2020, titolari di pensione, rapporti di lavoro dipendente o Naspi. Nell’ambito dei medesimi settori, l’indennità, alle stesse condizioni, viene riconosciuta ai lavoratori in somministrazione; mentre per i lavoratori dipendenti a tempo determinato l’accesso è subordinato al possesso dei seguenti requisiti: essere stati titolari di contratti di lavoro a tempo determinato nei medesimi settori per almeno 30 giornate sia nel 2018 che nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 30 novembre 2020; non essere, al 30 novembre 2020, titolari di rapporti di lavoro dipendente o pensione.

Viene, inoltre, disposta una nuova indennità di mille euro a favore di alcune categorie di lavoratori “atipici”. Si tratta, in particolare: dei lavoratori dipendenti stagionali degli altri settori, a patto che abbiano cessato involontariamente il proprio rapporto di lavoro tra il 1° gennaio 2019 e il 30 novembre 2020 e nello stesso periodo abbiano conseguito almeno 30 giornate di lavoro; dei lavoratori intermittenti con almeno 30 giornate di lavoro nel medesimo periodo; dei lavoratori occasionali senza contratto in essere al 30 novembre 2020; degli incaricati delle vendite a domicilio con reddito 2019 superiore a 5mila euro.

Tali soggetti avranno diritto a ricevere l’indennità se alla data della relativa domanda non siano né titolari di contratti di lavoro subordinato a tempo indeterminato (non intermittente) né titolari di pensione.

Infine, l’ulteriore indennità viene replicata anche per i lavoratori dello spettacolo non titolari di pensione né di contratti di lavoro a tempo indeterminato. Confermando quanto già previsto nel primo decreto Ristori, infatti, i mille euro saranno nuovamente erogati agli iscritti al corrispondente fondo pensioni che tra il 1° gennaio 2019 e il 30 novembre 2020 abbiano versato almeno 30 contributi giornalieri, maturando un reddito non superiore a 50mila euro, oppure 7 contributi giornalieri derivandone un reddito non superiore a 35mila euro.

I nuovi beneficiari dovranno presentare istanza all’Inps entro il 15 dicembre, giorno in cui scadranno anche i termini per richiedere l’indennità prevista dal decreto di Agosto. Anche le nuove indennità non concorreranno alla formazione del reddito imponibile Irpef dei beneficiari.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us