EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Prove di rinnovamento per i viaggi di affari

13/11/2020 08:33
Alcune aziende stanno già cambiando il modo in cui viene svolto il loro lavoro, sostituendo gli spostamenti con iPad e altre apparecchiature per raggiungere i clienti con le riprese video. Sarà il futuro?

Quale sarà il futuro dei viaggi d'affari, come sono cambiati in questi mesi durante i quali la possibilità di viaggiare è stata bloccata? come si è reinventato il settore? A fotografare la situazione un articolo di Travel Weekly in cui viene offerto un quadro piuttosot ampio attraverso le testimonianze di realtà ed aziende appartenenti a più ambiti su come si sono adattate alla nuova situazione e cosa pensano che accadrà un domani. I viaggi d'affari saranno ridimensionati? Ecco cosa ne pensano aziende tecnologiche, alberghi, compagnie aeree, realtà televisive, colossi dell'e-commerce, realtà automobilistiche e non solo. 

Brian Contreras, account executive partner di un'azienda tecnologica statunitense, era abituato a viaggiare spesso per la sua azienda, ma a nove mesi dall'inizio della pandemia, lui e migliaia di altri sta lavorando da casa e si sta collegando con videoconferenze invece di salire su un aereo e partire. Contreras gestisce i suoi conti in Nord America da Sacramento, in California, e non prevede di viaggiare per lavoro fino alla metà del prossimo anno. Anche allora, non è sicuro di quanto ne avrà bisogno. "Forse è solo l'accettazione della nuova normalità - afferma -. Ho tutte le risorse necessarie e tutti i dispositivi per assicurarmi di poter fare il mio lavoro". Questa tendenza potrebbe creare problemi a hotel, compagnie aeree, centri congressi e altri settori che dipendono così tanto da viaggiatori d'affari come Contreras. Numeri alla mano, secondo il World Travel and Tourism Council, i viaggi di lavoro hanno rappresentato il 21% degli 8,9 trilioni di dollari spesi per viaggi e turismo globali nel 2019.

Mbc Group, con sede a Dubai, che gestisce 18 stazioni televisive, afferma che è improbabile che i dipendenti viaggino così spesso una volta terminata la pandemia perché hanno dimostrato di non averne bisogno. "Siamo riusciti a fornire progetti e a negoziare accordi con successo, anche se a distanza - ha detto il portavoce di Mbc, Mazen Hayek -. Mbc ha ridotto i viaggi di oltre l'85%".

Amazon ha detto ai suoi dipendenti di smettere di viaggiare a marzo ed afferma di aver risparmiato quasi 1 miliardo di dollari in spese di viaggio quest'anno. Il gigante dello shopping online, con oltre 1,1 milioni di dipendenti, è il secondo più grande datore di lavoro negli Stati Uniti.

Il fronte alberghiero

Per quanto riguarda la testimonianza del fronte alberghiero, gli hotel statunitensi hanno fatto affidamento sui viaggi d'affari per circa la metà delle loro entrate nel 2019, o quasi il 60% in grandi città come Washington, secondo quanto afferma Cindy Estis Green, ceo della società di dati sull'ospitalità Kalibri Labs
Alla fine del mese scorso, Marriott ha introdotto opzioni flessibili rivolte ai viaggiatori d'affari, inclusi soggiorni di un giorno con check-out serale. 

Il fronte trasporti

Peter Belobaba, che insegna gestione delle compagnie aeree al Mit, ha detto che i viaggi d'affari sono in calo in parte perché alcune persone hanno paura di volare e in parte perché le aziende temono, in termini di responsabilità, la situazione in cui i dipendenti possano contrarre il virus mentre viaggiano per lavoro. 
ExxonMobil ha tagliato i viaggi d'affari a febbraio, ancora prima che l'impatto della pandemia si facesse sentire negli Stati Uniti, a causa del calo della domanda globale di petrolio.
Il ceo di Southwest Airlines, Gary Kelly, ha sottolineato che, mentre i ricavi complessivi dei passeggeri sono diminuiti del 70%, i viaggi d'affari - normalmente più di un terzo del traffico di Southwest - del 90%. A suo dire questa situazione "continuerà per molto tempo. Sono molto fiducioso che si riprenderà e supererà i livelli del 2019, solo che non so quando".
L'a.d. di Delta Air Lines, Ed Bastian, ha recentemente affermato: "Penso che i viaggi aziendali torneranno più velocemente di quanto la gente sospetti. Non so se torneranno al volume completo. In questo momento, i ricavi dei viaggi d'affari di Delta sono diminuiti dell'85%".
Rebecca Lindland, consulente automobilistica e fondatrice di Rebecca Drives, viaggiava 38 settimane all'anno per test drive e saloni automobilistici. Quest'anno non ha volato da marzo a settembre. I test drive sono stati ridotti agli eventi regionali, quindi i partecipanti non devono spostarsi così lontano. 

Il tema quarantena

Il mese scorso, il ceo di Polestar, Thomas Ingenlath ha osservato una quarantena obbligatoria di 14 giorni in Cina dopo essere arrivato dalla Svezia per il Beijing Auto Show. Polestar, marchio di auto elettriche di proprietà congiunta della svedese Volvo e della cinese Geely, ha sempre cercato di limitare i viaggi per motivi ambientali, ma la quarantena di 14 giorni li ha limitati ulteriormente, ha detto Kiki Liu, responsabile delle comunicazioni di Polestar.

Le teleconferenze e non solo

C'è chi in tutto ciò ne ha tratto beneficio in quanto il taglio dei viaggi è stato un vantaggio per i servizi di teleconferenza. Zoom, per esempio, ha affermato di avere 370.200 aziende clienti con almeno 10 dipendenti alla fine di luglio, più del triplo rispetto alla fine di aprile, ma per alcuni lavoratori, la teleconferenza non può sostituire la presenza di persona.
Sam Clarke, assistente professore al College of Business presso la California State University di San Marcos, concorda sul fatto che alcuni eventi di persona, come le fiere, saranno ancora importanti in futuro, ma pensa che potrebbero emergere anche nuovi tipi di viaggi d'affari. "I blocchi hanno insegnato ai dipendenti come adattarsi a diversi ambienti di lavoro - afferma - quindi hotel, compagnie aeree e persino navi da crociera dovrebbero rafforzare la loro connettività e soddisfare i viaggiatori d'affari".
Clarke si aspetta che alcune aziende cambieranno il loro modo di viaggiare. "Invece di lasciare che alcuni dirigenti viaggino molto, le aziende potrebbero far sì che la maggior parte dei dipendenti lavori da casa e farli riunire al quartier generale una volta all'anno".
Infatti, alcune aziende stanno già cambiando il modo in cui viene svolto il loro lavoro. Cynthia Kay and Co., società di produzione multimediale con sede a Grand Rapids, Michigan, era solita inviare i suoi sette dipendenti in tutto il Paese per realizzare video per clienti come Siemens. Quando non si è potuto più viaggiare, la società ha investito in un software proprietario e ha inviato iPad e altre apparecchiature ai clienti in modo che potessero istruirli attraverso le proprie riprese video, ha raccontato il presidente Cynthia Kay. Di conseguenza, le vendite dell'azienda sono diminuite solo del 15-20% anche se le spese di viaggio sono crollate del 75%.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us