EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Wttc, negli Stati Uniti a rischio 9,2 milioni di posti di lavoro

12/11/2020 11:31
Quattro le priorità individuate dall'organizzazione. Le peggiori previsioni potrebbero essere evitate grazie alla cooperazione globale

Nel 2020 saranno a rischio 9,2 milioni di posti di lavoro nel settore viaggi e turismo degli Stati Uniti nel 2020 se le barriere ai viaggi globali resteranno in vigore, ha rivelato il World Travel & Tourism Council. La stima proviene dall'ultimo modello economico del Wttc, che esamina l'impatto del Covid-19 e delle restrizioni di viaggio sul settore. Secondo gli ultimi dati, 7,2 milioni di posti di lavoro negli Stati Uniti sono stati colpiti. Se non ci sarà un'immediata attenuazione delle restrizioni sui viaggi internazionali, ben 9,2 milioni di posti di lavoro - più della metà di tutti i posti di lavoro nel settore negli Stati Uniti nel 2019 - andranno persi.

Il Wttc ha identificato le quattro priorità principali che dovrebbero essere affrontate, compresa l'adozione di un regime di test completi ed economici alla partenza per evitare la trasmissione, la riapertura dei principali “corridoi aerei”, per esempio tra New York e Londra e il coordinamento internazionale. La sfida di ripristinare viaggi sicuri nella nuova normalità è uno dei maggiori problemi che devono affrontare gli Stati Uniti mentre sono alle prese con un'economia depressa devastata dalla pandemia, che ha colpito particolarmente il settore dei viaggi e del turismo.

Il rapporto sull'impatto economico del Wttc per il 2019 ha rivelato che il settore ha contribuito con 1,84 trilioni di dollari all'economia statunitense ed è stato responsabile di più di un lavoro su 10 (10,7%). Gloria Guevara, presidente e ceo del Wttc, ha dichiarato: “Il governo degli Stati Uniti ha la reale opportunità di guidare il coordinamento internazionale e salvare milioni di posti di lavoro a livello globale e nel Paese. Nel 2019 il settore è stato responsabile di quasi 17 milioni di posti di lavoro, che è più di uno su 10 negli Stati Uniti, quindi è fondamentale recuperarne il maggior numero possibile per alimentare la ripresa economica del Paese. A livello globale, otto aziende su 10 all'interno del comparto sono Pmi – ha proseguito Guevara -, che danno lavoro a milioni di persone in tutto il mondo e fanno affidamento sul comparto turistico. È anche uno dei settori più diversificati, che impiega persone di tutti i contesti socio-economici indipendentemente dall'età, dal sesso o dall'etnia, con quasi il 50% dei quali donne e fino al 30% giovani”.

“Il Wttc – ha aggiunto il presidente - è stato in prima linea nel guidare il settore privato nello sforzo per ripristinare i viaggi internazionali e ricostruire la fiducia dei consumatori globali con diverse importanti iniziative. Abbiamo lanciato il nostro marchio ‘Safe Travels’, per consentire ai viaggiatori di riconoscere le destinazioni in tutto il mondo che hanno adottato protocolli standardizzati globali per la salute e l'igiene. Ci proponiamo di lavorare a stretto contatto con il governo degli Stati Uniti per recuperare i viaggi internazionali evitando la trasmissione, attraverso un elenco di quattro priorità principali. Dobbiamo imparare a convivere con questo virus e dovrebbero essere messe in atto misure per riattivare i viaggi incoming e outgoing in modo responsabile ed evitare ulteriori difficoltà economiche e sociali".

In tutto il Nord America, la ricerca Wttc mostra che tra i 10,8 milioni e i 13,8 milioni di posti di lavoro all'interno del settore sono a serio rischio. Roger Dow, presidente e ceo della Us Travel Association, ha dichiarato: "I numeri mostrano che il ripristino dei viaggi a livello globale è un must assoluto dal punto di vista economico e lavorativo e può essere fatto in sicurezza abbracciando le linee guida di salute e sicurezza e le tecnologie, che sono state ampiamente adottate nel settore dei viaggi. Allontanarsi dalle quarantene e implementare le pratiche che sappiamo funzioneranno, soprattutto test rapidi, affidabili ed efficienti, l'uso universale di mascherine in pubblico e l'implementazione di tecnologie touchless contribuirà a ripristinare la fiducia e la crescita".

Il ritorno dei viaggi internazionali fungerà da catalizzatore per rilanciare la ripresa economica globale. Secondo il Wttc le quattro priorità principali per la nuova amministrazione statunitense dovrebbero essere:
- la riapertura dei "corridoi aerei" sulle rotte vitali, in particolare quelle attraverso l'Atlantico per ristabilire i viaggi d'affari cruciali tra i principali snodi economici
- l'introduzione di un regime di test negli aeroporti, con standard riconosciuti a livello mondiale per evitare l'esportazione e l'importazione del virus
- un impegno a garantire viaggi sicuri e senza interruzioni, con misure sanitarie e igieniche migliorate
- garantire il coordinamento internazionale per l'adozione di standard che consentano la ripresa dei viaggi internazionali e il ripristino della fiducia dei consumatori.

Durante il 2019, il rapporto ha descritto in dettaglio come il settore sia stato responsabile di un posto di lavoro su 10 (330 milioni in totale), fornendo un contributo del 10,3% al Pil globale e generando uno su quattro di tutti i nuovi posti di lavoro.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us