EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Dlt scommette sul servizio on line

06/11/2020 16:40
La start-up sfida il momento difficile con il lancio del primo portale B2C completamente made in Italy che offre la possibilità di prenotare quasi 300mila strutture in tutti i continenti

La star-up del territorio laziale Dlt Viaggi lancia una nuova sfida ai colossi mondiali del web: essere il primo portale di prenotazione completamente italiano per il comparto B2C.

“Da start up abbiamo sviluppato un sistema di prenotazioni innovativo e costituito un network di agenzie che offre servizi al cliente finale, esclusivamente attraverso il canale telematico”, spiega Roberto Sorrenti, amministratore delegato della società. “Da quel momento in poi è stato un continuo crescendo che ci ha portato ogni giorno a porci e raggiungere nuovi e ambiziosi obiettivi”.

Puntare sull’online per il settore turismo e prenotazione viaggi è stata la scommessa vincente del gruppo Dlt Viaggi fin dalla nascita, con forti investimenti sulla pubblicità web. La stretegia si è rivelata vincente anche in tempi da Coronavirus con l’impegno di Dlt Viaggi nell’erogazione di bonus vacanze con una media di 6mila telefonate giornaliere di prenotazione al call center. 

“Da qui il lancio di questo nuovo progetto - continua Sorrenti - frutto di un lavoro che dura da anni e che segna per noi davvero un salto di qualità: aprirci completamente al mondo con un sistema di booking su scala planetaria”.

I numeri dello sforzo di Dlt Viaggi parlano di oltre 50 terabyte di dati inseriti sul portale: quasi 300mila strutture alberghiere in ogni angolo del mondo, in tutti i continenti, dove poter prenotare una stanza in pochi minuti e semplici passaggi.

Da Sydney a Buenos Aires, passando per Tokyo, Accra, Cancun, Delhi, Johannesburg, New York, Dlt Viaggi si lancia come primo portale completamente italiano, ma navigabile dall’utenza straniera nelle diverse versioni in lingua del sito, come sfida imprenditoriale controcorrente, soprattutto in questi tempi di crisi del turismo internazionale.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us