EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Lalli-Messina: “CdP strumento fondamentale per la ripresa del turismo”

25/09/2020 16:00
I presidenti di Federturismo e Assoturismo commentano positivamente il Fondo Nazionale del Turismo, passo importante per il supporto e il rilancio del settore

“Riteniamo che il Fondo Nazionale del Turismo, presentato oggi da Cassa Depositi e Prestiti, sia un primo importante passo per la tutela del patrimonio imprenditoriale turistico italiano”, così la presidente di Federturismo Confindustria Marina Lalli a proposito del fondo.  “Lo strumento, attraverso l’acquisto, la formazione manageriale, l’innovazione, e il consolidamento economico dei gestori sommato alla valorizzazione degli immobili aiuterà a superare questo periodo di forte difficoltà rilanciando il settore e tutelandone l’occupazione”, ha aggunto Lalli.

Si unisce al commento della presidente di Federturismo anche Vittorio Messina, presidente di Assoturismo: “Il Fondo nazionale per il turismo della Cdp  può diventare uno strumento importante non solo per supportare il turismo in questa fase drammatica, ma anche favorirne il rilancio”.

Il Fondo Nazionale del Turismo, prevede la possibilità di mobilitare fino a 2 miliardi di euro, a valere sulle risorse di Cdp per un totale di 750 milioni di euro, e su ulteriori fondi di investitori terzi, tra cui il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo che contribuirà, attraverso un fondo istituito con il Decreto Rilancio, fino a 150 milioni di euro.

“L’impegno di Cassa Depositi e Prestiti e Mibact può contribuire sensibilmente a salvaguardare tante strutture ricettive che, per la loro forza iconica, rappresentano al meglio il brand Italia”, ha aggiunto Messina. “Un passo in avanti per un settore che si trova ad attraversare la fase più difficile della sua storia. Per questo, riteniamo che sia fondamentale accompagnare questo strumento con un uso efficiente ed intelligente delle risorse del recovery fund: dobbiamo impiegarle per dare vita a un vero e proprio piano Marshall per il turismo, con interventi strutturali che favoriscano la ripartenza di tutto il comparto, a partire dalle Pmi della ricettività e dei servizi turistici”.
 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us