EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Ana Holdings in perdita ma in ripresa nella domanda interna

03/08/2020 18:30
Il gruppo segnala un drastico calo nel trimestre aprile-giugno 2020 e non si sbilancia sul futuro ma registra anche segnali positivi almeno per l’interno del Giappone

Ana Holdings ha recentemente annunciato i risultati dei primi tre mesi dell’anno finanziario 2020-21 (aprile - giugno 2020). A causa della diffusione della pandemia, la domanda passeggeri è diminuita drasticamente e il fatturato è sceso a 121,6 miliardi di yen (circa 1 miliardo di euro), con una diminuzione del 75,7% rispetto allo scorso anno, e la perdita netta è stata di 108,8 miliardi di yen (circa 917 milioni di euro) pur con una riduzione delle spese operative.

Il gruppo ha messo in atto misure speciali che consentono a tutti i passeggeri che hanno già acquistato i biglietti di farseli rimborsare o di modificare le prenotazioni senza costi aggiuntivi. Inoltre, mentre prosegue l'impatto della pandemia, Ana ha implementato protocolli di sicurezza, Ana Care Promise, che garantiscono ai passeggeri un ambiente pulito e sicuro negli aeroporti, nelle lounge e a bordo degli aerei.

Nel primo trimestre del nuovo anno finanziario Ana ha visto diminuire in modo significativo, rispetto allo scorso anno, sia il numero dei passeggeri sia il fatturato, su scala internazionale (rispettivamente -96,3% e -94,2%) e nazionale (-88,2% e -86,6%) a causa del calo della domanda e delle limitazioni di viaggio imposte dalla diffusione del Covid-19.

Ana Holdings ha sospeso o ridotto una selezione di voli del suo network internazionale a causa della diminuzione della domanda ma, per continuare a fornire un servizio pubblico, l’operatività è stata mantenuta al 13,8% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Sono stati inoltre mantenuti alcuni collegamenti per soddisfare la domanda di passeggeri di ritorno nei loro paesi di origine, o con incarichi di lavoro all’estero. A livello domestico, con la revoca dello stato di emergenza, i voli sono gradualmente aumentati: a giugno l’operativo è salito al 25,2% e per agosto dovrebbe raggiungere il 72,4%.

Passando alle previsioni per l’anno finanziario 2020-2021, l’impatto della pandemia ha creato un clima di incertezza economica globale e non è quindi possibile fare una previsione ragionevole sui risultati dell’esercizio in corso. La crisi globale ha portato a drastici cambiamenti nelle attività delle persone, cambiamenti che hanno avuto un impatto anche sull’industria dell'aviazione e la domanda di viaggi vedrà probabilmente risvolti significativi e sconosciuti. Ana lavorerà nel breve termine aumentando gli sforzi per trasformare il suo business mentre nel medio termine perseguirà una crescita sostenibile.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us