EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Conte su Az: "Abbiamo un progetto, nascerà una newco, non sarà un carrozzone di Stato"

17/06/2020 10:12
Il ministro dei Trasporti, De Micheli ha smentito la creazione di una divisione low cost, ma ha annunciato che "ci saranno accordi con partner industriali"

Novità sul fronte Alitalia ed accelerata sul dossier. Tutto nasce dal fatto che il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ieri ha incontrato i ministri dell'Economia, Trasporti, Sviluppo economico, Lavoro per definire quella che sarà la tabella di marcia per arrivare alla newco, come si legge sul Corriere della Sera di oggi.

In una intervista a Fanpage, Conte ha anticipato i contenuti del vertice, affermando: "Oggi (ieri, ndr) avremo una riunione con i ministri competenti per definire il dossier. Abbiamo un progetto, nascerà una newco che non sarà un carrozzone di Stato, ma un nuovo soggetto che dovrà riuscire a interpretare quello che è lo spazio di mercato attualmente disponibile". 

Dal canto suo, la ministra dei Trasporti, Paola De Micheli, intervenuta a Porta a Porta, ha fatto sapere: "Abbiamo presentato al presidente Conte le linee guida sul piano industriale di Alitalia. Il Mef sta completando la procedura per finanziare la newco con 3 miliardi. Alitalia può ripartire da zero imparando dagli errori del passato", ha detto De Micheli, che poi, ha smentito la creazione di una divisione low cost, ma ha anche annunciato che "ci saranno accordi con partner industriali".

Non mancano i nodi da sciogliere e, secondo due fonti, non citate dal quotidiano, sono diversi, pertanto serviranno altri confronti. Sembra che siano due le incognite principali. Una è l’esito delle trattative con la Commissione europea, l'altra le nomine per il vertice. Tema su cui gli interlocutori politici non sono ancora in accordo.

Come si ricorderà la Commissione europea chiede la discontinuità finanziaria e una nuova Alitalia ridimensionata. Inoltre, sembra che, secondo fonti europee, il documento definitivo del governo debba indicare anche i risultati economici per i prossimi 3-5 anni, con un utile non inferiore al 4-5%, dato, sottolinea il Corriere, in linea con quelli 2019 dei principali vettori europei.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us