EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

A Barceló il pieno controllo della divisione di viaggi di Globalia

09/04/2020 09:20
Entrambe le società hanno comunicato i termini del nuovo accordo alla Commissione nazionale dei mercati e della concorrenza, che ha tempo un mese per decidere

All'orizzonte si profila un drastico cambiamento in quella che sarà una delle grandi operazioni aziendali nel settore del turismo spagnolo. Globalia e Barceló hanno comunicato alla Commissione nazionale dei mercati e della concorrenza (Cnmc) quelli che saranno i cambiamenti sostanziali nel loro accordo di fusione, riporta la fonte spagnola Preferente.

Sebbene nessuno dei due gruppi abbia rilasciato dichiarazioni ufficiali al riguardo, la nuova mossa è stata intercettata a seguito dei movimenti delle due società con la Cnmc, secondo quanto risulta a El País.

In pratica, entrambi i gruppi hanno appena concluso un nuovo accordo. La nuova operazione è già stata notificata alle autorità garanti della concorrenza. Il tutto è stato realizzato in uno scenario non facile, vista la situazione attuale legata all'emergenza sanitaria da covid-19.
In tale contesto, le due società hanno chiesto alla Cnmc di archiviare l'operazione originale, che era stata notificata il 13 marzo. Nel nuovo accordo, datato 3 aprile, sarà Barceló ad avere la posizione dominante nella nuova società risultante. Il Cnmc adesso ha tempo un mese per prendere una decisione in base a questa nuova mossa. 

L'obiettivo sotteso alla riformulazione dei termini della fusione, è aprire la strada a quella che sarà, con tutta probabilità, una delle principali operazioni di concentrazione nella storia del turismo spagnolo. Dal canto suo, a quanto si apprende, la stessa Cnmc avrebbe suggerito una modifica per garantire l'approvazione dell'accordo. Nonostante il fatto che Barceló avrà il controllo assoluto sul nuovo gigante della distribuzione turistica spagnola, Globalia manterrà la partecipazione inizialmente concordata. Secondo entrambi i gruppi, sarà una distribuzione del 50% per ciascuno, anche se tutto sembra indicare che Barceló avrà una percentuale leggermente superiore.

La modifica dei termini, causerà un ritardo nella risoluzione Cnmc, inizialmente prevista non oltre il 13 aprile. Fino a quando non sarà necessaria l'apertura di una seconda fase di analisi, la decisione finale sarà entro e non oltre lunedì 4 maggio, la fonte precisa che il periodo massimo è di 30 giorni dall'entrata della notifica, avvenuta il 3 aprile.

Al di là del controllo sul nuovo gruppo, il resto dei termini dell'accordo iniziale, firmato lo scorso novembre, rimane intatto. Il tandem Globalia-Ávoris riunirà più di trenta marchi, raggiungendo un fatturato di quasi 4.000 milioni di euro, la cifra è stata stimata prima del covid-19.

Globalia porterà in eredità Halcón Viajes, Viajes Ecuador, Globalia Corporate Travel, Geomoon, Travelplan, TuBillete.com, Touring Club, Iberrail, Welcome Beds, Marsol, Globalia Meetings ed Eventi, Globalia Corporate Travel, Globalia Autocares e Welcome Incoming Services.
Solo Be Live Hotels e Globalia Groundforce saranno esclusi.

Ávoris, da parte sua, ha B il marchio di viaggio, Joliday, Quelónea, Iberojet, Catai, Viva Tours, LePlan, LeSki, LeMusic, Jotelclick, Plan B, Evelop, Orbest, Wäy, Turavia, Bcd Travel, Bco Congresos, Special Tours, ByPlane, Rhodasol, Nortravel, Colors e Bedtoyou.

Tuttavia, resta da vedere quali misure verranno adottate per garantire il buon funzionamento e la fattibilità di tutte le divisioni del gruppo nascente. In particolare in merito alla sovrapposizione che potrà verificarsi nel settore delle agenzie di viaggi, dove il gruppo avrà circa 1.500 punti vendita.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us