EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Gattinoni: "Le adv chiedono info su voucher e rimborsi"

31/03/2020 08:33
Per il presidente Franco Gattinoni serve "un tavolo di crisi permanente. Abbiamo molte idee per rilanciare il turismo, sia per gli italiani sia per gli stranieri" - di Stefania Vicini

Informazioni sui voucher e sui rimborsi è quello che stanno chiedendo le adv Gattinoni Mondo di Vacanze al network. "Hanno chiesto la nostra collaborazione per il rimpatrio dei clienti - dichiara a Guida Viaggi il presidente Franco Gattinoni -. Quello che soprattutto avvertiamo è un bisogno di vicinanza del network che noi cerchiamo di infondere con la presenza delle nostre persone e lavorando soprattutto a livello istituzionale nei confronti del governo". 

L'operatività oggi

Dopo il decreto che ha deciso la chiusura degli esercizi commerciali e quindi anche delle adv, come portate avanti il vostro lavoro? "Attualmente stiamo lavorando a ranghi ridotti in smart working, contenendo i costi aziendali e nel contempo fornendo la massima assistenza ai nostri clienti e alle agenzie del network", fa sapere il manager.
La parola chiave che ha contraddistinto l'operatività di quest'ultimo periodo è assistenza. Lo si evince facilmente dalle parole del presidente. "L’attività nelle settimane passate è stata a dir poco frenetica con assistenza di migliaia di clienti in giro per il mondo, di giorno e di notte. Assistenza a nostri clienti, a tutte le agenzie del nostro network, assistenza spesso anche a clienti non nostri, che si trovavano all’estero per viaggi organizzati da soli su online o sui siti delle compagnie aeree e che non riuscivano più a rientrare in Italia".
Gattinoni sottolinea anche che ci sono stati "centinaia di casi e di persone che ci hanno contattato perché in passato avevano usato i nostri servizi, chiedendoci supporto e aiuto, l’abbiamo fatto volentieri anche se non stavano viaggiando con noi e spero se lo ricordino in futuro". 
Adesso, invece? "L’attività è quasi a zero, ci stiamo occupando solo di rimborsi e di recupero crediti, a parte qualche rara prenotazione da agosto in poi. Proprio per questo stiamo attivando la cassa straordinaria in deroga, a protezione dell’azienda e di tutti i nostri dipendenti, utilizzata a rotazione per mantenere comunque attive tutte le business unit". 

Cosa serve al settore
Franco Gattinoni non ha dubbi, "innanzitutto, è fondamentale concentrarsi sul presente, altrimenti a domani non ci si arriva. Abbiamo bisogno di un tavolo di crisi permanente", afferma nel momento in cui gli chiediamo se le misure adottate dal governo siano sufficienti o meno. "Va bene la cassa integrazione in deroga, anche se non è ancora chiaro sul come verrà applicata, ma serve molto di più: lo stralcio dei contributi fiscali e previdenziali per almeno 6 mesi, forme di sostegno ai mancati ricavi e ai redditi, forme di sostegno per il rilancio del settore", esemplifica il manager.

Si sofferma sui numeri ed afferma che "il nostro settore composto da agenzie di viaggio, tour operator, agenzie di eventi, Dmc ha un valore di 20 miliardi e dà lavoro a circa 75mila addetti, ma credo che nessun governo l’abbia mai capito. E’ anche colpa nostra perché siamo circa 13mila imprese e con troppe associazioni che poi non riescono a trasmettere l’importante valore della filiera del turismo organizzato".

Poi sposta l'attenzione su un altro tema caldo, l'incoming dimenticato, "veniamo considerati solo come operatori outgoing, ma le nostre aziende fanno molto di più e, soprattutto, portano decine di migliaia di turisti in Italia, oltre a promuovere vacanze nel territorio nazionale".

Quali dovranno essere le mosse da fare per la ripresa del comparto? Qui Gattinoni crea un po' di aspettativa... "abbiamo molte idee per rilanciare il turismo, sia per gli italiani sia per gli stranieri, ma magari ne parliamo tra qualche settimana, appena il contesto ce lo permetterà - afferma -. Se in questa brutta situazione vogliamo trovare un lato positivo è che molti clienti fai da te hanno verificato l’assistenza delle agenzie di viaggi in situazioni difficili e l’hanno sicuramente molto apprezzata. Questo sarà di beneficio per il rilancio delle nostre attività future", asserisce convinto.

Stefania Vicini


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us