EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Gli esperti della sostenibilità si danno appuntamento al Festival della Green Economy

23/02/2020 10:33
A Trento, dal 28 febbraio al 1 marzo, 300 relatori per affrontare le questioni cruciali dell’economia verde in un totale di 60 eventi

Nel futuro si potrà viaggiare a emissioni zero? È possibile ridurre la chimica in agricoltura? Come gestire i grandi flussi del turismo mondiale? Il sistema moda può essere effettivamente sostenibile? Quale impatto avrà la sostenibilità sul mondo della finanza? L'architettura sta affrontando in maniera adeguata le questioni relative al risparmio energetico e all'utilizzo di nuovi materiali meno impattanti? A queste e altre domande proverà a rispondere il Festival della Green Economy, che si svolgerà a Trento dal 28 febbraio al 1 marzo.

La kermesse

Il Festival per l’edizione 2020 triplica la sua dimensione, chiamando a Trento 300 relatori, tra i più importanti esponenti dell’economia, della finanza, e delle istituzioni attenti ai temi della sostenibilità, per affrontare le questioni cruciali dell’economia verde in un totale di 60 eventi.
La kermesse da quest’anno vedrà una novità, per la prima volta si articolerà in una parte generale – dedicata ai grandi temi dell’economia verde, come il cambiamento climatico, l’energia rinnovabile, la sfida della sostenibilità per le imprese, la svolta sostenibile del capitalismo –, alla quale si affiancheranno sei cicli composti ciascuno da sette incontri, che si svolgeranno tra il pomeriggio di venerdì 28 febbraio e per l’intera giornata di sabato 29 febbraio. Ogni ciclo di convegni avrà una diversa area tematica – trasporti e mobilità, turismo, abbigliamento e tessile, edilizia e architettura, finanza, chimica verde e agricoltura – e vedrà la partecipazione di esperti del settore, ricercatori e docenti universitari, imprenditori, esponenti delle istituzioni, allo scopo di approfondire e discutere le più interessanti questioni legate all’economia verde.

Alla scoperta delle Fabbriche della Sostenibilità

Nei tre giorni precedenti alla kermesse trentina, dal 25 al 27 febbraio, la Green Week come negli scorsi anni proporrà l’ormai tradizionale tour nelle “Fabbriche della Sostenibilità” alla scoperta di oltre venti aziende d’eccellenza protagoniste dell’innovazione nel campo dell’ecosostenibilità, dalla Toscana al Friuli Venezia Giulia, passando per Lombardia, Veneto e Trentino. Aziende che investono, anche come leva competitiva, su tematiche quali economia circolare, riuso, gestione dei rifiuti in ottica sostenibile e abbattimento delle emissioni, risparmio energetico e nuove forme di energia, nuove tecniche costruttive e sostenibilità dei mezzi di trasporto, responsabilità sociale e ambientale d’impresa.

I dati

Secondo i più recenti dati della World Tourism Organization, i viaggiatori nel mondo si stanno avvicinando velocemente alla quota di due miliardi. Numero che impone una riflessione su una gestione del turismo in chiave sostenibile. E proprio di questi temi si discuterà, tra venerdì 28 e sabato 29 febbraio, in un altro ciclo di convegni, curato da Martha Friel, docente di management del turismo all’Università Iulm. Sette eventi dedicati alla rivoluzione che sta vivendo il mondo del turismo e alle strategie da introdurre per una gestione maggiormente sostenibile, durante i quali si alterneranno gli interventi di esperti, ricercatori, manager pubblici e imprenditori di strutture turistiche.

I temi trattati

Si partirà nel pomeriggio di venerdì 28 febbraio con il primo evento, dal titolo “Ict e Big Data al servizio del turismo sostenibile”, che vedrà gli interventi di esperti di tecnologia utilizzata in chiave turistica.
Seguirà l’incontro intitolato “Destinazione: città sostenibili. Gestire il successo, educare i turisti”, durante il quale si alterneranno gli interventi di figure di rilievo, che operano in campo turistico sia nel pubblico sia nel privato.
“I grandi flussi del turismo mondiale” saranno al centro dell’ultimo convegno di venerdì 28 dedicato alla sezione turismo.
Il giorno dopo, sabato 29 febbraio, si discuterà di “Ricettività sostenibile: dagli eco-hotel ai camping” con imprenditori di strutture turistiche ecosostenibili.
Il mondo del “turismo lento” verrà esplorato nel convegno dal titolo “Undertourism e slow tourism: far scoprire la bellezza di un Paese e le sue eccellenze”.
Seguirà un incontro organizzato in collaborazione con Unesco Venezia e Fondazione Santagata per l’Economia della Cultura di Torino, sulla “Patrimonio mondiale Unesco: gestione, turismo, sostenibilità”.
L’ultimo evento del ciclo di incontri sul turismo verterà su: “Contro lo monoeconomie turistiche: sistemi virtuosi tra turismo, manifattura e produzione culturale”.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us