EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Unwto, il turismo motore dell’economia globale

20/01/2020 14:35
Per il 2020 è prevista una crescita dal 3% al 4%, prospettiva di cauto ottimismo che si riflette nell’ultimo indice di fiducia registrato dall’organizzazione

Il 2019 ha fatto registrare 1,5 miliardi di arrivi di turisti internazionali a livello globale. Un aumento del 4% rispetto all’anno precedente, previsto anche per il 2020, a conferma del turismo come settore economico leader e resiliente, soprattutto alla luce delle attuali incertezze. Questi numeri richiedono che tale crescita sia gestita in modo responsabile in modo da cogliere al meglio le opportunità che il turismo può generare per le comunità di tutto il mondo.

Secondo il primo rapporto completo sui numeri e le tendenze del turismo globale del nuovo decennio, l’ultimo barometro del turismo mondiale dell’Unwto, questo rappresenta il decimo anno consecutivo di crescita.

Tutte le regioni hanno visto un aumento degli arrivi internazionali nel 2019. Tuttavia, l’incertezza attorno alla Brexit, il crollo di Thomas Cook, le tensioni geopolitiche e sociali e il rallentamento economico globale hanno contribuito a una crescita più lenta nel 2019, rispetto agli eccezionali tassi del 2017 e 2018. Questo rallentamento ha interessato principalmente le economie avanzate e in particolare l’Europa, l’Asia e il Pacifico.

Per il 2020 è prevista una crescita dal 3% al 4%, una prospettiva riflessa nell’ultimo indice di fiducia dell’Unwto che mostra un cauto ottimismo: il 47% dei partecipanti ritiene che il turismo avrà prestazioni migliori e il 43% allo stesso livello del 2019. Importante eventi sportivi, comprese le Olimpiadi di Tokyo, e eventi culturali come Expo 2020 Dubai dovrebbero avere un impatto positivo sul settore.

Presentando i risultati, il segretario generale dell’Unwto Zurab Pololikashvili ha sottolineato che “in questi tempi di incertezza e volatilità, il turismo rimane un settore economico affidabile”. Sullo sfondo di prospettive economiche globali recentemente declassate, tensioni commerciali internazionali, disordini sociali e incertezza geopolitica, “il nostro settore continua a superare i tassi dell’economia mondiale e ci invita a non solo crescere ma anche a farlo meglio”, ha aggiunto.
Data la posizione del turismo come principale settore di esportazione e creatore di posti di lavoro, l’Unwto sostiene la necessità di una crescita responsabile. Il turismo ha quindi un posto centrale nelle politiche di sviluppo globale e ha l’opportunità di ottenere un ulteriore riconoscimento politico, riuscendo così a realizzare 2030 Agenda and i suoi 17 Sustainable Development Goals.
 

l Medio Oriente è emerso come la regione in più rapida crescita per gli arrivi internazionali nel 2019, crescendo quasi al doppio della media globale (+ 8%). La crescita in Asia e nel Pacifico ha rallentato ma ha comunque mostrato una crescita superiore alla media, con arrivi internazionali in aumento del 5%.
L’Europa, dove la crescita è stata anche più lenta rispetto agli anni precedenti (+ 4%) continua a guidare in termini di numeri di arrivi internazionali, accogliendo lo scorso anno 743 milioni di turisti internazionali (51% del mercato globale). Le Americhe (+ 2%) hanno mostrato un quadro contrastante poiché molte destinazioni insulari nei Caraibi hanno consolidato la loro ripresa dopo gli uragani del 2017, mentre gli arrivi sono scesi in Sud America a causa in parte dei continui disordini sociali e politici. Dati limitati disponibili per l’Africa (+ 4%) indicano continui risultati positivi nel Nord Africa (+ 9%) mentre gli arrivi nell’Africa subsahariana sono aumentati più lentamente nel 2019 (+ 1,5%).

In un contesto di rallentamento economico globale, la spesa turistica ha continuato a crescere, consolidandosi tra le prime dieci voci al mondo. La Francia ha registrato il più forte aumento della spesa turistica internazionale tra i primi dieci mercati outgoing mondiali (+ 11%), mentre gli Stati Uniti (+ 6%) hanno guidato la crescita in termini assoluti, aiutati da un dollaro forte.
Tuttavia, alcuni grandi mercati emergenti come il Brasile e l’Arabia Saudita hanno registrato un calo della spesa turistica. La Cina ha visto un aumento dei viaggi in uscita del 14% nella prima metà del 2019, sebbene le spese siano diminuite del 4%.

“Il numero di destinazioni che guadagnano almeno 1 miliardo di dollari dal turismo internazionale è quasi raddoppiato dal 1998”, aggiunge Pololikashvili. “La sfida che affrontiamo è garantire che i benefici siano condivisi il più ampiamente possibile e che nessuno venga lasciato indietro. Nel 2020, l’Unwto celebra lo Year of Tourism and Rural Development e speriamo di vedere il nostro settore guidare cambiamenti positivi nelle comunità rurali, creando posti di lavoro e opportunità, guidando la crescita economica e preservando la cultura”.

Quest’ultima prova della forza e della resilienza del settore turistico arriva mentre le Nazioni Unite celebrano il loro 75° anniversario. Nel 2020, attraverso l’iniziativa delle UN75, condurranno il più ampio e inclusivo confronto sul ruolo della cooperazione globale nella costruzione di un futuro migliore per tutti, con il turismo in cima all’agenda.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us