EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Atm, dalla Cina con passione

20/01/2020 11:28
Secondo l'ultimo rapporto dell’Arabian Travel Market, i visitatori orientali aumenteranno del 54% entro il 2023, per una spesa totale di 3,48 miliardi di dollari - di Paola Olivari

Il numero di turisti cinesi verso i Paesi del Golfo dovrebbe aumentare del 54%, da 1,4 milioni nel 2018 a 2,2 milioni nel 2023, con un tasso di crescita annuale composto (Cagr) del 4,8%, secondo i dati pubblicati dall'Arabian Travel Market (Atm) 2020, che si terrà al Dubai World Trade Center da domenica 19 a mercoledì 22 aprile. Colliers International prevede che la Cina manterrà la sua posizione di mercato di punta in tutto il Golfo, in particolare negli Emirati Arabi Uniti, dove i visitatori cinesi sono attualmente il secondo e il quarto mercato di provenienza più elevato per, rispettivamente, Abu Dhabi e Dubai.

In aggiunta a ciò, i dati prevedono che gli Emirati Arabi Uniti continueranno a essere la destinazione preferita nel Golfo per i turisti cinesi, accogliendo una previsione di 1,9 milioni di visitatori entro il 2023. L'Arabia Saudita seguirà con 1 milione di visitatori, mentre l'Oman ne accoglierà 76.900, il Bahrain 26.300 e il Kuwait 2.800 .

“I collegamenti della Cina con il Golfo - spiega Danielle Curtis, Exhibition Director ME, Arabian Travel Market - si sono rafforzati negli ultimi anni grazie all'introduzione di rotte aeree supplementari e dirette, alle più agili modalità relative ai visti, alla forte crescita dell'economia cinese e al buon reddito disponibile dei turisti cinesi. I flussi di visitatori cinesi nel Golfo non mostrano alcun segno di attenuazione mentre guardiamo al 2023 e oltre grazie alle molte opportunità commerciali e di investimento che la regione presenta, nonché di una nuova generazione di attrazioni per il tempo libero e destinazioni al dettaglio. I dati di Atm 2019 mostrano un aumento di oltre il 100% delle presenze dei visitatori cinesi e un aumento del 15% su base annua tra il 2018 e il 2019 nel numero di delegati, espositori e partecipanti interessati a fare affari con la Cina”.

I turisti cinesi sono i più alto spendenti al mondo mentre viaggiano all'estero, con spese di viaggio e turismo totali in uscita che hanno raggiunto 277 miliardi di dollari nel 2018, secondo i dati di Colliers.

“Concentrandosi sul Golfo, i visitatori cinesi nella regione dovrebbero generare 3,48 miliardi di dollari Usa in entrate per viaggi e turismo entro il 2023, con un aumento del 71% rispetto ai dati del 2018”, ha affermato Curtis.

“Nel 2018 il Bahrein è stato testimone della spesa media per visitatore cinese superiore a 2.567 dollari Usa. L'Arabia Saudita ha seguito con una spesa turistica media per viaggio raggiungendo i 1.582 Usd, seguiti da vicino dagli Emirati Arabi Uniti a 1.459 Usd e il Kuwait e l'Oman raggiungendo rispettivamente 1.167 e 730 Usd”.

Nonostante il Bahrein abbia registrato la spesa media più alta dell'anno scorso, sono gli Emirati Arabi Uniti a classificarsi come la nona destinazione più popolare al mondo per 1,67 milioni di viaggiatori cinesi in uscita (Hhwi), secondo il Chinese Outbound Travel Research Institute (Cotri) in collaborazione con C-Trip.

Si stima che questi viaggiatori spendano una media di 3.410 dollari solo per il loro pacchetto di viaggio, esclusa la spesa aggiuntiva per attività di F&B, vendita al dettaglio e tempo libero.

“Nel corso degli anni - ha aggiunto Curtis - il sentiment ha rispecchiato la crescita dei turisti cinesi nel Golfo, e oggi i professionisti dell'ospitalità e del turismo che mai sono desiderosi di capitalizzare sulle significative opportunità presentate dal mercato cinese. Dopo il felice debutto lo scorso anno, il forum sul turismo arabo-cinese tornerà per il 2020 come parte del nuovo forum e sessioni di networking dello spettacolo. Il forum esplorerà le opportunità non sfruttate che presenta il mercato turistico in espansione della Cina, delineando quali destinazioni possono fare per attirare una quota maggiore di questo mercato chiave e fornendo anche un evento informale di networking per gli acquirenti dalla Cina e dagli espositori”.

Atm, considerato dai professionisti del settore come un barometro per il settore turistico in Medio Oriente e Nord Africa, ha accolto quasi 40mila persone al suo evento del 2019 con rappresentanza da 150 Paesi. Con oltre 100 espositori che hanno fatto il loro debutto, Atm 2019 ha presentato la più grande esposizione mai realizzata dall'Asia. Il tema ufficiale di quest’anno è Events for Tourism Growth.

Paola Olivari


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us