EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Medio Oriente, il wedding tourism vale 4,5 miliardi di dollari

09/12/2019 11:55
Secondo una ricerca di Colliers International le nuove tendenze rappresentano una delle chiavi del successo per la travel industry della regione - di Paola Olivari

Il wedding tourism, i solo traveler, i viaggi al femminile e quanto raggruppato sotto il segno dell'ecoturismo, il benessere, l'avventura e l'agriturismo (Ewaa) stanno ridefinendo il panorama dell'industria dell'ospitalità, secondo i dati diffusi in vista dell'Arabian Travel Market 2020 (Atm), che si svolgerà al Dubai World Trade Centro da domenica 19 a mercoledì 22 aprile 2020.

La ricerca di Colliers International, partner ufficiale di Atm, ha rivelato che il segmento matrimoni vale oltre 90 miliardi di dollari a livello globale, con il 25% delle cerimonie celebrate all’estero rispetto al Paese di origine degli sposi, pari a circa 340mila nozze ogni anno.
Guardando in particolare al Medio Oriente, il mercato regionale vale oltre 4,5 miliardi di dollari, attirando il 5% del mercato mondiale. Gli Emirati Arabi Uniti sono il luogo ricercato grazie alle facilità legate ai visti, la raggiungibilità, il sole tutto l'anno, i paesaggi.

“Il turismo nuziale - spiega Danielle Curtis, exhibition director ME, Arabian Travel Market - è solo una delle quattro tendenze chiave identificate nel rapporto Colliers che definiranno il mercato globale dei viaggi e del turismo in Medio Oriente, nonché il comportamento dei consumatori, in vista del 2020 e oltre”.

“I matrimoni giocano oggi un ruolo chiave nella crescita complessiva del settore alberghiero globale, dal momento che sempre più coppie cercano un'esperienza unica e personalizzata all'estero. Inoltre, questi viaggi hanno anche un impatto positivo sulle economie locali”, ha aggiunto.

Ecoturismo, benessere, avventura e agriturismo (Ewaa) rappresentano un'altra tendenza emergente, in particolare tra i consumatori attenti all'ambiente. Secondo i dati di Colliers, il 70% dei viaggiatori globali ha ora maggiori probabilità di prenotare alloggi ecocompatibili, con il 52% pronto a modificare il proprio comportamento in vacanza per diventare più sostenibile.
I viaggiatori di oggi sono più in sintonia con l'impatto ambientale del turismo e sono alla ricerca di destinazioni che offrano alloggi sostenibili ed esperienze come il glamping, una forma di camping che combina i componenti tradizionali con strutture e servizi più lussuosi.

“Il glamping sta diventando sempre più popolare in Medio Oriente negli ultimi anni, con vari siti di glamping aperti negli Emirati Arabi Uniti, Oman e Giordania, tra i quali Hatta Sedr Lodges a Hatta, Bedouin Oasis Camp a Ras Al Khaimah, Desert Nights Camp in Oman e Wadi Rum Night Camp in Giordania”.

Altre previsioni importanti includono un aumento del numero di viaggiatori singoli e di donne. Le ricerche globali di viaggi da soli hanno registrato una crescita del 17,4% nel 2018 rispetto al 2017, poiché l'idea di viaggiare da soli è diventata socialmente più accettabile, portando gli hotel e gli operatori turistici a rimuovere le tariffe per i supplementi singoli per soddisfare questo mercato in crescita.

I dati di Colliers indicano che il 58% dei millennial ha maggiori probabilità di viaggiare da solo rispetto al 47% dei baby boomer e, cosa interessante, il 74% dei solo traveller sono in realtà donne. I social media, in particolare Instagram e Pinterest, sono le principali fonti di ispirazione.

“Le donne - ha aggiunto Curtis - controllano circa il 40% della ricchezza globale, un fattore che ha contribuito a rafforzare la tendenza. In cerca di tempo per se stesse, le donne che viaggiano da sole tendono a selezionare la propria posizione sulla base di avventura, cultura, relax e gastronomia, nonché a visitare destinazioni come parte di programmi di volontariato o per acquisire nuove competenze”.

Queste tendenze dinamiche che modellano il settore dell'ospitalità in Medio Oriente saranno esplorate in modo più dettagliato durante Atm 2020, con una serie di sessioni che discuteranno dell'impatto che queste tendenze emergenti avranno sulla crescita del turismo nella regione.

Atm, considerato dai professionisti del settore come un barometro per il settore turistico in Medio Oriente e Nord Africa, ha accolto quasi 40mila persone nel 2019, con rappresentanze da 150 Paesi. Con oltre 100 espositori che hanno fatto il loro debutto, Atm 2019 ha rappresentato la più grande esposizione mai realizzata in Asia. Tema del 2020 sarà Events for Tourism Growth.

Paola Olivari


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us