EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Un coordinamento europeo per la tassazione nell'aviation

11/11/2019 10:26
Nove ministri delle Finanze hanno sottoscritto una dichiarazione per evidenziare la situazione del prezzo dell'aviazione

“Le tasse sul trasporto aereo non ridurranno le emissioni di Co2”. A dirlo una dichiarazione congiunta firmata da nove ministri delle Finanze Ue, con la quale si richiede un coordinamento a livello europeo nel settore dell’aviazione, “perché il prezzo dell’aviation è pieno di falle”.

Si parla infatti di misure fiscali unilaterali nazionali come quelle introdotte da Francia e Germania “che sono miopi e particolarmente dannose a parità di condizioni”. I ministri delle Finanze spiegano che le compagnie aeree dell'Ue pagano per le loro emissioni di Co2 dal 2012 e fanno parte del primo programma globale di mitigazione del carbonio delle Nazioni Unite. Si evidenzia inoltre che ci sono differenze importanti tra le tasse e le spese pagate dai diversi mezzi di trasporto in Europa. “A differenza del trasporto su strada o ferrovie - che ricevono una quantità significativa di sussidi governativi - l'industria aeronautica paga la maggior parte dei suoi costi di infrastruttura, oltre a pagare la maggior parte dei suoi costi per la sicurezza”. Secondo le stime della Iata, le compagnie aeree hanno pagato quasi 31 miliardi di euro per l'utilizzo delle infrastrutture aeroportuali in Europa nel 2017. Inoltre, l'aviazione europea sta pagando per le sue emissioni in Europa fin dal 2012 tramite il sistema Ets e da allora il prezzo delle quote di emissione è triplicato.

“Le compagnie aeree aderenti a A4E (Airlines for Europe) – spiega la lettera - stanno investendo 169 miliardi di euro nel prossimo decennio in nuove tecnologie aeronautiche e carburanti per l'aviazione sostenibile. Queste sono soluzioni significative a lungo termine che possono ridurre le emissioni di Co2 fino all'80%”. Uno studio della Commissione europea ha fatto emergere che i costi esterni per i vari mezzi di trasporto sono stati dell'1,8% per il trasporto ferroviario, del 5% per l'aviazione, del 10% per il trasporto marittimo e dell'83% per il trasporto su strada. "È semplicemente inesatto affermare che l'aviazione non è tassata affatto o che ha un prezzo insufficiente. Nel 2018 le compagnie aeree europee hanno pagato oltre 5 miliardi di euro in Ets e tasse ambientali. Il settore marittimo, ad esempio, è anche esente da accise e 21 Stati membri dell'Ue concedono agli operatori ferroviari esenzione Iva per i viaggi transfrontalieri ”, ha affermato Thomas Reynaert, amministratore delegato di Airlines per Europa (A4E).

La crescita sostenibile è una priorità assoluta per le compagnie aeree europee affinché l'aviazione possa continuare a creare valore economico e sociale per gli europei. L'industria aeronautica attualmente supporta 9,4 milioni di posti di lavoro e contribuisce con 615 miliardi di euro al Pil dell'Ue (4,2% del totale).

"In questo momento critico, l'Ue deve concentrarsi sul sostegno ai nostri sforzi di decarbonizzazione e attuazione di misure efficaci anziché ricorrere a gesti simbolici come le tasse, che non hanno impatto materiale sulla riduzione del carbonio. Abbiamo bisogno di una produzione molto più elevata di aviazione sostenibile nei prossimi decenni”, ha aggiunto Reynaert.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte