EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Valtur avrà una seconda linea di prodotto

14/10/2019 08:35
Sarà un concept medio-alto; il gruppo ha costituito Synfo, la subholding alberghiera. E Pagliara dice: “Bisogna rispettare la filiera altrimenti il cliente andrà online”

“Nei prossimi giorni annunceremo la nascita di una seconda linea di prodotto per Valtur”. Lo ha annunciato Giuseppe Pagliara, direttore generale di Nicolaus e ceo di Valtur, spiegando che si tratta di “un concept medio-alto per una fascia che vuole stare bene”.

Secondo uno studio interno, l’azienda ha rilevato che la clientela molto alta “si sta abbassando”, ma non vuole dire che in totale spende meno, ma semplicemente che “questi clienti vogliono fare più vacanze”.

“Ora stiamo studiando i vari segmenti di target – ha aggiunto - per diversificare prodotti e brand”. Tra i segmenti attenzionati quello delle vacanze per adulti e “dall’estate 2020 avremo anche la novità della formula adult only”.

Dal punto di vista societario nel corso dell’estate è stata costituita Synfo, subholidng alberghiera che si occupa della gestione dei prodotti Nicolaus e Valtur. “Le competenze alberghiere devono stare all’interno di una compagnia alberghiera” ha sottolineato l’imprenditore. 

A bilancio il gruppo si era posto l’obiettivo dei 100-110 milioni e “in questi giorni abbiamo superato i 100, ora dobbiamo capire come andrà il Capodanno. I margini ci sono già, ma è ancora tempo di seminare. Tra tre anni ci sarà una ottimizzazione del risultato”. Per quanto riguarda lo sviluppo di prodotto, non teme di dichiarare: “C’è una Valtur che vorrei e una che dovrei. Quel che è certo è che non vogliamo servire una clientela medio-bassa”.

Sul tema della distribuzione ha dichiarato che “le agenzie vogliono cose facili da vendere, entrare nel sistema e prenotare i villaggi”. Poi ha concluso: “Tutti dobbiamo rispettare la filiera, ci vuole rispetto per gli albergatori, per le agenzie, perché se si rompe la catena il cliente andrà online. C’è una rivoluzione in atto e bisogna sapere interpretare il cambiamento”. l.d.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte