EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Thomas Cook: altri 200 milioni di sterline subito o sarà collasso

20/09/2019 15:16
I finanziatori chiedono un surplus di riserve finanziarie per garantire l'operatività: se saltasse la trattativa in corso, sarebbero circa 150.000 i turisti e 20.000 i lavoratori coinvolti nella crisi

Altri duecento milioni di sterline, o niente. E’ questa la situazione di Thomas Cook che – come riportano fonti di stampa britanniche - ha informato stamattina in una dichiarazione che i suoi finanziatori approveranno il piano di salvataggio da 900 milioni di sterline solo se riuscirà a trovare una fonte di finanziamento aggiuntiva da 200 milioni, necessaria a garantire l’operatività invernale.

Il tour operator ha affermato che sta continuando le trattative su più tavoli, compresa quella col suo principale shareholder, l'investitore cinese Fosun, oltre che con le banche e gli obbligazionisti.

C’è chi teme che la situazione possa degenerare prima del previsto, anche nel giro di pochi giorni: se le trattative di queste ore fallissero, sarebbero circa 150.000 i turisti che sarebbero coinvolti nel collasso, senza contare i 20.000 lavoratori dell’operatore, dei quali circa la metà opera in Gran Bretagna.

I cinesi – come è ormai noto – garantirebbero metà dei 900 milioni di sterline in cambio del 75% del tour operator e del 25% di Thomas Cook Airlines: il resto verrebbe dagli istituti di credito, che assumerebbero il controllo della compagnia aerea e del 25% di il tour operator.

"La ricapitalizzazione comporterebbe una diluizione significativa delle quote degli azionisti esistenti, con un rischio significativo di non recupero", ha avvertito Thomas Cook nella sua dichiarazione (e i rischi del blocco dell’intera operazione da parte dei possessori di tali quote sono infatti concreti). Il t.o. non ha però precisato quale sarebbe la fonte di finanziamento per gli ulteriori 200 milioni dei quali ha urgente bisogno per soddisfare i finanziatori. g.m.

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte