EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Triptoshare: aumentano i "Solo traveller"

19/07/2019 12:51
Secondo l’osservatorio della piattaforma dedicata ai single in viaggio, il fenomeno riguarda sempre di più le donne, che solo in Italia sono cresciute del 70%, e i millennial, tra cui più di uno su due si dice disposto a partire da solo

Il fenomeno dei "Solo Traveller" è una tendenza sempre più diffusa non solo tra i giovani. A rilevarlo è l’osservatorio di Triptoshare, piattaforma dedicata ai single in viaggio con l'obiettivo di condividere anche le spese.

Secondo quanto rilevato, i viaggiatori solitari nel mondo aumentano di anno in anno. In particolare, il fenomeno riguarda sempre di più le donne, che solo in Italia sono cresciute del 70%, e i millennial, tra cui più di uno su due si dice disposto ad andare in vacanza da solo.

Una tendenza confermata anche da una recente ricerca di Mintel, secondo cui le persone adulte che hanno deciso di andare in vacanza da sole nel 2018 sono aumentate del 2% rispetto all’anno precedente, mentre, per quanto riguarda la quota rosa, secondo Newsweek negli ultimi 10 anni le viaggiatrici solitarie nel mondo sono cresciute del 70% (solo in Italia, secondo l’Istat, le donne che viaggiano da sole sono 1,4 milioni). I numeri che riguardano i millennial sono ancora più rilevanti: lo studio del Princeton survey research associates del 2017 ha rivelato che il 58% dei millennial in tutto il mondo è disposto a viaggiare da solo, rispetto al 47% delle generazioni precedenti.

Ma nell’epoca della sharing economy, partire da soli non è necessariamente sinonimo di solitudine, anzi, spesso uno dei motivi che spinge i viaggiatori solitari è proprio la voglia di fare nuove conoscenze. A conferma di ciò, il 52% delle persone intervistate da Mintel, ad esempio, afferma di essere interessato a una vacanza in compagnia.

E nonostante sul web siano sempre di più le community in cui è possibile condividere la propria esperienza di viaggio, a quanto pare il mercato non è ancora affatto saturo e la domanda di servizi dedicati ai “Solo traveller” resta sempre molto alta: il 60% dello stesso campione sostiene infatti che il settore dei viaggi non soddisfi abbastanza le esigenze dei viaggiatori solitari, che si ritrovano ad esempio a dover far fronte a costi molto più alti rispetto a chi decide di partire in compagnia.

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte