EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Itravel: "Nessun last minute"

25/06/2019 15:17
Oltre 500 le adv in mailing per l'operatore lanciato da Sitravel. Bene le vendite, ora si pensa all’integrazione delle agenzie Travelbuy, a seguito dello scambio di quote concretizzato poche settimane fa

Si chiama ItravelSimone Aggio, che ne è l'amministratore unico, lo ha definito un Net-t.o. E' nato a marzo del 2018. E' una nuova società lanciata da Sitravel. Come è stato accolto dal mercato agenziale? A detta del manager "il mercato ha ben recepito l’ingresso di Itravel, ad oggi abbiamo oltre 500 agenzie registrate nel nostro sistema online di teleprenotazione e ogni giorno riceviamo 2/3 richieste per potervi accedere, devo dire che il riscontro maggiore è dovuto alla forza che è il nostro gruppo, inteso come reti di agenzie, per prime le SiTravel, dove è stato fatto un grande lavoro di crescita comune, come ho sempre predicato da anni". 

I progetti delle adv

Un'idea che "piace molto", quindi, prova ne è il fatto che "già diversi prodotti sono stati inseriti, come per esempio il Mare Italia fornito da una nostra agenzia calabrese, che gestisce le strutture direttamente, prodotti creati dalle agenzie che da sole non sarebbero riuscite ad avere una platea nazionale, o comunque con costi sicuramente maggiori - dichiara Aggio a Guida Viaggi -, mentre la nostra soluzione richiede solo che il prodotto sia sicuro, sia in termini di qualità sia in termini di disponibilità, tutto quello che proponiamo nel nostro contenitore, deve essere prenotabile e disponibile". 

Come stanno andando le vendite? Aggio si dice soddisfatto, sia perché "le vendite stanno andando bene", sia per il fatto di non essersi avvalso "della formula last minute, per nessuna partenza o destinazione, abbiamo una programmazione e un budget di vendita da rispettare, di conseguenza moduliamo i prezzi spingendo il prodotto che serve nel momento in cui bisogna spingerlo. Il concetto che continuo a ripetere è che se vuoi fare il tour operator classico parti già sconfitto, soprattutto perché ti scontri con realtà altamente preparate e competitive, non serve creare altri piccoli t.o. per intasare ancora di più il mercato, quello che serve è creare un t.o. che abbia la sua collocazione, non solo di prodotto, ma anche di mercato".

La convinzione del manager è che "se crei prodotto per le agenzie ottieni effetti positivi; le agenzie hanno da vendere un prodotto quasi esclusivo e così hai ottenuto il vantaggio di avere una leva commerciale nel mercato", inoltre sono contente "di far parte di un gruppo, ricordo che oggi le agenzie sono il vero valore in un network, per la stessa ragione anche il network è contento perché vende e vede crescere il fatturato della propria rete, infine il tour operator in house, perché crea prodotto che viene poi venduto". 

I numeri

Numeri alla mano, ad agosto il t.o. è "all'80% del prodotto venduto, l’anno scorso in questo momento eravamo a non più del 50%, quindi una crescita notevole, considerando che abbiamo quasi quattro volte il prodotto in programmazione dell’anno scorso - osserva il manager -. Luglio si sta vendendo, grazie ad iniziative fatte in collaborazione con le agenzie, non vogliamo avere una partenza che non crei margine, questo è il nostro obiettivo, che stiamo raggiungendo. Il potere della rete è questo, programmare e dare strumenti, ad esempio oggi grazie al nostro t.o. e al nostro network, un'agenzia pugliese ha chiuso un volo da sola, per una partenza di luglio, quando il mercato soffre. Stessa cosa per settembre e ottobre, sono mesi che abbiamo prenotazioni per questi periodi, quindi la programmazione preventiva sta sortendo il risultato".

Come detto Itravel "ha oltre 500 agenzie in mailing che hanno il codice di prenotazione, mentre le SiTravel sono tutte operative e lavorano quotidianamente. Ora stiamo pensando all’integrazione anche delle agenzie Travelbuy, a seguito dello scambio di quote che abbiamo concretizzato poche settimane fa, Travelbuy è molto speculare a noi e sarà un ottimo partner anche in questo", commenta Aggio.

I prossimi passi

Quali saranno i prossimi step? "In termini di prodotto stiamo lavorando sull’inverno a breve usciremo con la programmazione su Sharm (Natale e Capodanno incluso), e stiamo ragionando con partner amici per aprire altre destinazioni. Dal punto di vista tecnologico il 2019 per noi è stato già importante, abbiamo creato il nostro strumento di vendita online, molto apprezzato perché semplice ed intuitivo". Ovviamente a seguito dell’operazione Sitravel-Travelbuy "ci saranno delle evoluzioni tecnologiche sia per i network sia per il tour operator, ma per ora preferisco non dire nulla e far parlare i fatti". s.v.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte