EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Aeroporto Trieste: 30 milioni di nuovi investimenti

17/05/2019 12:59
Per il quadriennio 2020-2023, 15 milioni per il potenziamento delle infrastrutture di volo, 11 per miglioramenti infrastrutturali e di servizi del terminale, 2 milioni in chiave “green” ed altri 2 per il potenziamento della viabilità di accesso

Piena intermodalità e 30 milioni di nuovi investimenti per il quadriennio 2020-23. L’assemblea del Trieste Airport ha approvato il bilancio 2018. Con l’occasione i vertici dello scalo regionale hanno anche presentato un aggiornamento sugli investimenti e i traffici che delineano sempre più quanto l’aeroporto sia diventato l’hub di riferimento e snodo cruciale per lo sviluppo della mobilità dell’intera regione.
Grazie a una profonda ristrutturazione aziendale che in 2 anni ha risanato i conti e raggiunto un Ebitda margin superiore al 30%, oggi la Regione può contare su un’infrastruttura efficiente e interamente intermodale.

Nel quadriennio 2016-2019 sono stati investiti 40 milioni di euro (di cui 26 milioni autofinanziati) che sono stati impiegati per la realizzazione del Polo Intermodale (17 milioni) che ha collegato il terminal dell’aeroporto con la ferrovia, il potenziamento delle infrastrutture di volo e il miglioramento delle aree e dei servizi dell’aerostazione. Dal 15 al 30 giugno avranno luogo i lavori per la riqualificazione della pista di volo (10 milioni di euro).

Per il prossimo quadriennio 2020-2023 sono programmati altri 30 milioni di euro di investimenti di cui 15 milioni destinati al potenziamento delle infrastrutture di volo, 11 milioni per ulteriori miglioramenti infrastrutturali e di servizi del terminale di altri edifici. Due milioni di euro saranno investiti in chiave “green” per l’installazione di sistemi di energia rinnovabile ed infine altri due milioni saranno destinati all’ulteriore potenziamento della viabilità di accesso all’infrastruttura e per la security aeroportuale. Tali investimenti verranno presentati ad Enac (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) ed al Comitato per gli Utenti per le necessarie approvazioni.

Nel 2018 il traffico passeggeri si è attestato 772mila passeggeri come nel 2017 nonostante la decisione della compagnia Ryanair di cancellare i collegamenti con Ciampino (Roma) e Trapani; di questi 708mila sono passeggeri di voli linea e 58,8mila hanno volato sui charter.
Da Trieste Airport sono partiti in totale 15.470 voli di cui 8245 di linea e 7225 di aviazione generale (aviazione d’affari).

Tra le nuove linee passeggeri del 2018, il volo bi-giornaliero su Francoforte operato da Lufthansa e i voli charter della Tui Fly dedicati al traffico crocieristico. Per l’estate del 2019 si segnalano le nuove rotte verso Colonia con Eurowings (dal 2 giugno con frequenza bisettimanale), i voli estivi di Alitalia verso la Sardegna (Olbia e Alghero) e i voli per le isole greche di Lefkada e Cefalonia operati da Adria Airways ed organizzati in collaborazione con l’agenzia Palma Viaggi.

 

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte