EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Blue Panorama, il tassello del business globale di Patanè

16/05/2019 15:17
Remo Della Porta traccia la fotografia del vettore, tra gli investimenti in flotta, le opportunità di business create assieme al segmento agenziale e la crescita dopo l'ingresso nella famiglia di Uvet

"Nell'ultimo anno e mezzo c'è stato uno tsunami nel trasporto aereo. In Gran Bretagna non esistono più le compagnie charter e la compagnia di bandiera ha deciso di ritirare il vettore charter. La nostra visione è diversa - ha esordito Remo Della Porta, direttore commerciale di Blue Panorama, durante la recente convention di Uvet Travel System -. Fino a due anni fa se non si seguiva il modello Norwegian non si era considerati, noi, come sapete, siamo riemersi dall'amministrazione straordinaria, tante grandi compagnie si sono avvicinate, ma non hanno considerato il nostro modello, per questo c'è stata molta empatia con il presidente Luca Patanè, che ha avuto il coraggio di investire, perchè noi non abbiamo un modello, leggiamo il mercato, non seguiamo quello degli altri in quanto abbiamo alle spalle una storia diversa, cerchiamo di cogliere le opportunità e assieme a voi - ha affermato il manager rivolgendosi al pubblico in sala, ossia circa 400 agenti di viaggi - di creare opportunità di business. Ecco perchè nel 2005 abbiamo lanciato il brand low cost, offriamo l'opportunità di incentive, che è solo una attività intermediata, come la più recente, ossia il trasposto dei tifosi del Liverpool e dell'Arsenal a Baku, ma è solo un esempio perchè di occasioni ce ne sono tante, ad altissima marginalità"

Il manager si è soffermato sulle mosse compiute, a partire dagli investimenti fatti in flotta, con i due B737-800 in più "e ne abbiamo acquisiti altri due entro fine giugno, uno di questi sarà il primo in financial leasing per un investimento di 21 milioni - afferma Della Porta -. Abbiamo recentemente rinnovato la certificazione Iosa".
La fotografia del vettore lo vede "servire 66 aeroporti con una flotta di 16 aeromobili, siamo cresciuti notevolmente da quando facciamo parte della famiglia Uvet, 520 impiegati e 1,7 mln di passeggeri, con l'obiettivo di superare i 2 mln". Della Porta ha, inoltre, ricordato che in autunno, due 767 di proprietà di Blue Panorama "andranno a Città del Messico a montare le estensioni delle ali per cercare di essere più ecosotenibili", in linea con la politica perseguita anche da Patanè.

Il presidente di Uvet si è espresso anche sulla sua compagnia aerea in convention, tassello importante di un gruppo integrato, strumento che permette di scoprire nuove occasioni di business, il tutto portato avanti in una visione di insieme. In che senso? E' presto detto. Uvet "è cresciuto in maniera organica e circolare. Il perimetro in questi anni è aumentato in modo importante e crescerà ancora perchè le opportunità sono tante - ha affermato Patanè -, si creano sinergie tra una cosa e l'altra, mi muovo con la compagnia e si aprono delle opportunità per un villaggio, per esempio, con questa logica è stata aperta una base in Polonia per Blue Panorama. Ora abbiamo 16 aerei, quando l'ho comprata ne avevamo 9, abbiamo lavorato tanto ed abbiamo voluto muovere il mercato, questa è un'opportunità. Quando si parla di business globale dobbiamo essere noi a farlo, si possono creare accordi con gli operatori e interessi comuni a tanti". s.v.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte