EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Patané: "Pronto al passo indietro"

14/05/2019 11:22
Per il presidente di Fto "i tempi sono maturi per una sola associazione turistica". Una visione che per alcuni aspetti trova concorde anche il presidente di Astoi, Nardo Filippetti

E' pronto a fare un passo indietro Luca Patané, presidente di Fto, nel caso in cui non dovesse riuscire nel suo intento in ambito associativo. Qual è? A suo dire "i tempi sono maturi perchè ci sia una sola associazione turistica, che sia in Confcommercio o fuori da Confcommercio", ha affermato durante la convention di Uvet Travel System. "E' il mio desiderata, dobbiamo essere liberi, dobbiamo iniziare a rappresentare i nostri interessi. Queste case (quelle associative, ndr) che hanno ospitato a lungo tempo queste istanze secondo me iniziano ad essere un po' vecchie per seguire i ritmi del business che sta cambiando - afferma -. Mi piacerebbe che il turismo fosse libero, non rappresentato da vecchie categorie (e qui la platea durante la convention applaude fragorosamente, dando il suo assenso a quanto affermato, ndr)".

Una sola associazione della filiera turistica quindi, con tutto ciò che può comportare in termini di realizzazione, di difficoltà e ostacoli, che potrebbe essere importante per la filiera, soprattutto in quei momenti di grosso cambiamento. E in questi ultimi mesi il settore di occasioni per fare sistema o agire uniti ne ha offerte tante, peccato però che non siano state portate avanti in modo univoco. Un tema su tutti è quello del contratto unico, di cui ne esistono più modelli, per esempio. 

Patanè lo ha detto molto chiaramente è pronto a dimettersi dalla carica associativa qualora arrivasse una persona in grado di realizzare tale convergenza. "Se non riesco a coinvolgere di più le associazioni o a fare le cose insieme penso che entro l'anno venturo lascerò tutte le cariche non funzionali, perchè non è una cosa che mi appartiene". Poi parlando di Confcommercio afferma che "gli piacerebbe mettere a posto le cose, voglio forzare perché voglio fare in modo che Confcommercio prenda una posizione". 

La sua idea associativa è chiara, a suo dire "il cuore della nostra attività oggi, non deve essere solo la difesa degli interessi, ma ricreare i mestieri con la logica del futuro - ha affermato -, con l'ausilio della tecnologia, con il cambiamento di mercato, portando avanti un laboratorio di idee". A suo dire significa "disegnare percorsi di imprenditorialità nuove - un concetto che gli sta particolarmente a cuore -. Bisogna essere più globali, lo siamo per vocazione, ma non per intenti". 

La posizione di Filippetti

Una visione che per alcuni aspetti trova concorde anche il presidente di Astoi, Nardo Filippetti. Il fatto già che fosse presente alla convention Uvet ha destato molto interesse. Così come quando i due imprenditori sono saliti assieme sul palco, dimostrando convergenze su alcuni temi. Interpellato in merito alla possibilità di mettere a fattor comune alcuni aspetti del settore, in ambito legale, fiscale o contrattualistico, la risposta di Filippetti è stata: "Ci stiamo lavorando, non servono tante associazioni. Con Patanè ci eravamo incontrati anche in occasione dell'ultima Bit, come t.o. abbiamo problematiche un po' diverse rispetto a quelle dei dettaglianti, che sono solitamente associati in Confcommercio, o degli albergatori singoli, ma abbiamo molte idee in comune". Dal palco della convention Uvet, intanto Filippetti riconosce che è "un sasso buttato là", affermando che la possibilità di fare "una specie di fusione di rappresentatività sarebbe un grosso primo passo".

C'è qualcosa che bolle in pentola concretamente? A tale domanda Patanè risponde così: "Stiamo cercando di lavorare assieme ad Astoi su più tavoli, ma ancora non ci siamo riusciti". Tempo un anno per capire cosa accadrà, intanto, come dice Filippetti, il sasso è stato lanciato, vedremo se si trasformerà in un reale cambiamento. s.v.

 

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte