EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Obbligo trasmissione telematica dei corrispettivi: Assoviaggi chiede l’esonero

19/04/2019 15:00
Presentato al dipartimento delle finanze del Mef formale richiesta di esonero per le agenzie di viaggio vista la tipologia delle operazioni e la marginalità degli importi

Assoviaggi confesercenti ha presentato al dipartimento delle finanze del Mef formale richiesta di esonero per l'invio obbligatorio a partire dal 1° luglio 2019 della trasmissione telematica dei corrispettivi per le agenzie. Il motivo, la tipologia delle operazioni e la marginalità degli importi.

“Abbiamo presentato formale e documentata richiesta di esonero per le agenzie in regime semplificato per le peculiarità di tale regime e per quelle in regime ordinario vista l’esiguità degli importi rispetto al totale del fatturato. Per ogni ulteriore ed eventuale aspetto di dettaglio, abbiamo potenziato lo sportello fiscale – in collaborazione con il fondo garanzia viaggi - già presente sul nostro sito, messo a disposizione degli associati per fornire ogni chiarimento in merito”, ha dichiarato Gianni Rebecchi, presidente Assoviaggi confesercenti.

L’obbligo generalizzato dell’invio telematico dei dati dei corrispettivi dovrebbe coinvolgere tutte le agenzie in contabilità ordinaria (e dal 1° gennaio 2020 anche quelle in contabilità semplificata) con riguardo alle attività già previste nell’ambito della certificazione fiscale: cessioni di beni in locali dell’agenzia aperti al pubblico (libri, mappe, accessori per il viaggiatore) e organizzazione di escursioni, visite della città, giri turistici ed eventi similari.

Il Dpr 696 del 1996 ha escluso dall’obbligo di certificazione fiscale dei corrispettivi “le prestazioni rese dalle agenzie di viaggio e turismo concernenti la prenotazione di servizi in nome e per conto del cliente”.

Pertanto, dal 1° luglio 2019 le adv interessate dal provvedimento dovrebbero dotarsi di un registratore di cassa telematico. A fronte dell’utilizzo del registratore telematico, è possibile farsi riconoscere un credito di imposta pari al 50% della spesa sostenuta per l’acquisto. Inoltre, non si dovrà più emettere né ricevuta o scontrino fiscale né tenere il registro dei corrispettivi poiché il registratore invierebbe per via telematica all’agenzia dell’entrate - in automatico e alla fine della giornata - i dati relativi agli incassi.

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte