EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Il travel in India: cresce la quota dell’online

18/04/2019 15:15
A dirlo un rapporto della società Bain & Company; il contributo della spesa di viaggi e turismo nel Paese ha, intanto, raggiunto i livelli dei mercato sviluppati

I viaggiatori indiani sono destinati a spendere $24 miliardi in più in tre anni in prenotazioni di viaggi online. Poiché la spesa per viaggi in India è destinata ad aumentare a un tasso di crescita annuale composto del 13% da $94 miliardi nel 2018 a $136 miliardi entro il 2021, circa il 57% ($24 miliardi) delle prenotazioni incrementali avverrà online, ha rivelato un rapporto della società di consulenza manageriale Bain & Company.

"Il contributo della spesa di viaggi e turismo in India ha raggiunto i livelli dei mercato sviluppati, dal 6,7% del Pil nel 2013 al 9,4% nel 2018. Questa crescita, combinata con una base di utenti Internet in rapido aumento e l'adozione di prenotazioni online porterà a ricavi incrementali attraverso i canali online entro il 2021", ha dichiarato Joydeep Bhattacharya, partner di Bain & Company.

Si prevede che anche la penetrazione online delle prenotazioni alberghiere aumenterà fino al 35% entro il 2021 dal 26% attuale, alimentata dalla rapida crescita della disponibilità di Internet e degli aggregatori di hotel, tra cui Oyo, Airbnb e Makemytrip. Mentre gli hotel di fascia media e quelli budget, che rappresentano la metà del mercato totale, sono destinati ad alimentare una crescita futura annuale del 15%, la spesa di alloggio negli hotel di lusso dovrebbe aumentare dell'11%. La quota di business generata dai turisti domestici è attualmente del 50% per gli hotel di lusso, rispetto al 30% negli ultimi tre anni.

Ci sarà una crescita del 12% dei trasporti ($ 50 miliardi), oltre a un aumento del 13% dell'alloggio ($ 21 miliardi) e dei consumi. Ciò include la spesa per acquisti, attività ricreative e cibo, che cresceranno al tasso annuale di crescita composto del 13% ($ 65 miliardi) nei prossimi tre anni.

Oltre alla disruption digitale, le iniziative governative e il potenziamento infrastrutturale, fattori quali i finanziamenti privati per i player della tecnologia e l'emergere di nuove destinazioni turistiche stanno creando cambiamenti fondamentali nel mercato dei viaggi e del turismo indiani. Ad esempio, nuove località come Sikkim (84% di crescita annuale composto) e Karnataka (39%) hanno visto una forte crescita del turismo nel 2016 e 2017.

Lo studio ha affermato che sebbene la maggioranza (86%) dei consumatori indiani utilizzi i canali online per effettuare ricerche prima del viaggio, durante la prenotazione effettiva si assiste a una notevole diminuzione. Solo il 50% dei viaggiatori va online per prenotare, a causa di motivi quali la mancanza di fiducia nei sistemi di pagamento e un miglior pricing offline.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte