EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Servizi agli associati la politica di Fiavet Emilia Romagna e Marche

02/04/2019 15:17
Sul tema si vuole trovare con Fiavet Nazionale "un modo per aumentarli ulteriormente", dichiara il presidente Massimo Caravita

Servizi agli associati, è questa una delle priorità su cui sta concentrando l’attenzione Fiavet Emilia Romagna e Marche, in un contesto di mercato dove il tema caldo delle adv, in generale, è “vendere”, afferma il presidente della regionale Massimo Caravita. E questo perché “non c’è ancora una stabilità delle vendite e il timore che non siano sufficienti resta sempre – commenta il manager a Guida Viaggi -, anche se il prodotto non manca, pensiamo solo alle crociere...”.

Dal generale al particolare, si è tenuta recentemente l’assemblea Fiavet Emilia Romagna e Marche, la prima sotto la presidenza Caravita. Tra i punti c’è stata l’approvazione del bilancio, “siamo una regionale sana, andiamo avanti con entusiasmo e determinazione - afferma il presidente -, nel corso dell’assemblea sono stati presi in esame diversi temi, in primis quello dei servizi agli associati che vogliamo rinforzare sempre di più, così come vogliamo trovare con Fiavet Nazionale un modo per aumentarli ulteriormente”.

Le richieste a Fiavet Nazionale

Come si ricorderà la regionale fa parte di quel gruppetto che venne denominato dei “dissidenti” nei confronti della nazionale per alcune divergenze di opinione su alcuni temi. Alla domanda se vi sia stato un riavvicinamento, Caravita ci tiene a precisare alcuni aspetti, facendo presente che nei mesi passati il consiglio direttivo “ha chiesto di interfacciarsi con Fiavet Nazionale per un aumento dei servizi che vengono dati alle nostre affiliate. Assieme ad altre regionali avevamo una visione comune sul tema ed abbiamo chiesto alla Nazionale di essere ascoltate in merito alle esigenze degli associati. Lo abbiamo fatto anche lo scorso mese di febbraio sul tema del rafforzamento dei servizi”. Quale è stata la risposta? “E’ stata tutto sommato positiva – asserisce Caravita -, vedremo poi se seguiranno i fatti”.

Dal canto suo Emilia Romagna e Marche, che conta 200 affiliate, “è una associazione forte, che dà tanti servizi a livello territoriale, aveva bisogno, però, di essere supportata su altri di cui non può farsi carico da sola, tipo sul tema della privacy o della fatturazione elettronica, per questo l’assemblea ha ribadito un ulteriore rafforzamento dei servizi e chiesto un supporto al Nazionale, tra questi rientra anche la parte della formazione”.

Un altro punto di attenzione su cui è impegnata l'associazione è la revisione della legge regionale “nell’ottica del recepimento della direttiva pacchetti, del rafforzamento dell’albo delle agenzie sicure (ad oggi un centinaio) ed anche in funzione della rivisitazione della figura del direttore tecnico, che richiede una maggiore definizione”, fa presente il manager.

Non ultimo l’incoming. A breve sono previsti due appuntamenti in calendario, il primo “è il 4 aprile a Milano, durante il quale la regione si presenta alle adv lombarde e il secondo è il 10 aprile, quando si terrà il Buy Emilia Romagna, a cui le adv  Fiavet sono state invitate a partecipare con agevolazioni per l’iscrizione”. s.v.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte