EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Patagonia tutto l'anno, fiore all’occhiello di Latitud

25/03/2019 12:42
La terra “alla fine del mondo” affascinante anche in inverno. Cresce bene l'operatore nato nel 2011 facente parte di Quality Group

Aumenta l’interesse dei nostri connazionali verso la Patagonia, che anche nel 2018 è cresciuta rispetto all’anno precedente.

“Per il 2019 le vendite sono partite bene, la meta è prenotata con grande anticipo, le prospettive molto buone”, dichiara Francesco Vitali, titolare e responsabile prodotto di Latitud Patagonia.

Specialisti della destinazione con proposte di tour individuali e di gruppo, il Sudamerica di Latitud Patagonia ha raggiunto nel 2018 un fatturato pari a 5,5 milioni di euro (+10% sul 2017) dove i volumi vedono l’Argentina al 60%, il Cile al 25% e un restante 15% rappresentato da Ecuador, Galapagos e Bolivia.

“Ci sono ancora ampi spazi di crescita - prosegue - in particolare nei mesi dell'autunno e dell'inverno australe, che corrispondono alla nostra primavera/estate. È importante chiarire un equivoco: la Patagonia si può visitare tutto l'anno. I mesi di marzo e aprile sono per certi aspetti i migliori per visitare le bellezze della Patagonia argentina e cilena, l'unica cosa da avere ben chiara è che da metà marzo in avanti non troviamo più i pinguini nella zona della Penisola di Valdès, e proprio per questo suggeriamo in questi mesi un tour che si chiama Cascate e Ghiacciai, che in 12 giorni visita Buenos Aires (la capitale), Ushuaia (la città più australe del mondo), El Calafate (capitale dei ghiacciai argentini dove si trova il celebre Perito Moreno) e le cascate di Iguazù. Questo stesso itinerario lo proponiamo con partenze a date fisse e posti in allotment anche nel mese di agosto”.

“L'inverno australe offre la possibilità di vivere esperienze straordinarie come le escursioni con i cani da slitta nei boschi della Terra del Fuoco, di fatto Ushuaia la neve è magica. E poi c'è il Noa (acronimo di Nor Oeste Argentino) la vasta zona che occupa il territorio Nord Ovest del Paese, al confine con il Cile e la Bolivia. Qui, nella zona di Salta, addirittura la nostra estate è certamente il periodo migliore dell'anno, essendo la stagione secca si può godere al meglio dei magnifici panorami offerti da questa zona”, conclude Vitali.

 

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte