EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Cieli europei tra chiusure e startup

22/02/2019 09:55
Uno scenario dinamico quello del trasporto aereo europeo: dopo il deposito dei bilanci da parte di Flybmi, Germania, Primera Air e Cobalt Air sono in arrivo nuove iniziative imprenditoriali

Il trasporto aereo europeo resta dinamico. Non sono bastate le notizie di chiusura con deposito del bilancio da parte di Flybmi, Germania, Primera Air e Cobalt Air ad abbassare le stime di sviluppo del comparto. In rampa di lancio sono già pronte nuove compagnie.

Great Dane Airlines è quasi pronta a partire, con base all’aeroporto di Aalborg, in Danimarca. Secondo il quotidiano locale disporrà di due Embraer 195 con 118 sedili. Effettuerà voli charter e servirà un target business travel con collegamenti per Nizza, Dublino e Edimburgo. In seguito il piano industriale prevederà nuove rotte. L’apertura delle vendite per la startup è fissata per il 5 marzo prossimo con inizio delle attività a giugno.

I cieli svizzeri, ad un anno circa dal fallimento di Darwin Airlines, vedranno un progetto industriale che mira a coprire il segmento low cost a lungo raggio in partenza da Bâle-Mulhouse. Si tratta di Swiss Skies ed è stata fondata da quattro piloti svizzeri che si sono lanciati in questa nuova avventura ad alto rischio. Infatti il progetto deve ancora convincere gli investitori, ma capitali permettendo, il suo lancio è previsto per la fine dell’anno. I voli a basso prezzo saranno diretti in America del Nord, Medio Oriente, Antille e Brasile. Swiss Skies avrà una flotta costituita esclusivamente da A321neoLr, versione a lungo raggio dell’A321neo.

Anche la Grecia ci riprova e dopo il fallimento, nove anni fa, di Hellas Jet, arriva Athens Spirit, nuovo concorrente, forse, per Aegean Airlines. Ha appena depositato la richiesta di certificazione presso le autorità greche e proporrà voli domestici e internazionali a partire dal mese di aprile. In un primo tempo la flotta sarà composta da due Airbus 3240 e quattro Airbus 319 e il suo direttore generale è un esperto del settore, essendo stato l’ex d.g. di Olympic Airways.

In Gran Bretagna, invece, è in arrivo una compagnia aerea 100% halal. E’ il caso di Firnas Airways, un esempio a parte nel panorama generale. E’ stata fondata dall’uomo d’affari Kazi Shafiqur Rahman e si presenta come un vettore che rispetta la legge islamica. Cosa vuol dire? In pratica i pasti serviti a bordo non prevederanno l’uso di maiale, non sarà servito alcol e le hostess indosseranno uniformi che copriranno la maggior parte del corpo. Lancio previsto entro l’anno.

Infine in Lettonia Air Baltic (base a Riga con 80% del capitale detenuto dallo stato lettone) sarebbe pronta a lanciare una nuova compagnia rivolta alle destinazioni europee. Opererebbe, nelle intenzioni della società, esclusivamente con aeromobili Airbus 220, un tempo commercializzati da Bombardier CSeries. Air Baltic avrebbe già ordinato 50 apparecchi con altri 30 opzionati. Non è ancora stato svelato il nome del vettore. l.d.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte