EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

"L'Italia non può essere venduta come una commodity, ma come un valore"

14/02/2019 12:56
Enit, Comune di Milano, Toscana Promozione e Risposte Turismo mettono sul piatto le soluzioni per poter attrarre un incoming che produca reddito. Fermo restando che il segreto potrebbe essere proprio la "strategia dell'offerta"

"L'Italia non può essere venduta come una commodity, ma come un valore". Non ha dubbi in merito Maria Elena Rossi, direttrice marketing di Enit, intervenuta al recente convegno che si è svolto in Bit, "Incoming e valore: come funziona la strategia di attrazione di flussi ad alto reddito", con l'obiettivo di analizzare i segmenti di domanda ad alta capacità di spesa e conoscere gli interessi delle nuove generazioni. 

"L'attacco da farsi è sui nuovi segmenti, con un'offerta adeguata - sostiene Rossi -. Sui mercati tradizionali abbiamo spinto sul lusso, per esempio negli Stati Uniti abbiamo fatto 7 accordi con operatori legati a questo segmento di mercato. Stiamo facendo uno scouting su nuovi mercati, che già conoscono l'Italia, ma che potrebbero trattenersi di più. Stiamo lavorando su nuovi Paesi, tra cui Bangkok per il sudest asiatico, stiamo facendo scouting su Vietnam e Singapore, partecipando anche alle fiere del lusso". E' questa, in parte la strategia messa in atto da Enit (con 29 sedi, di cui 3 in Germania) per attrarre incoming a valore, oltre ad una analisi dei dati, con la consapevolezza di doverli interpretare per poter tracciare delle visioni prospettiche. 

Per creare valore aggiunto bisogna "essere capaci di valorizzare i territori in un'ottica di domanda, numero di pernottamenti, spesa, ma anche un approfondimento della cultura dell'Italia. La strategia messa a punto da Enit - prosegue Rossi - si suddivide in due aree della nostra attività, un 70% di risorse è per la promozione sul fronte leisure e il restante 30% per la meeting industry, che di fatto crea molto valore, in quanto un turista che visita l'Italia in occasione di un convegno spende il doppio di un turista leisure, in più beneficia di servizi più allargati della filiera".

La strategia di Milano

Milano, con il suo turismo business come si sta muovendo? Ha investito sul fronte lesiure, ci ha lavorato su, con lo "scopo di far arrivare le persone un giorno prima o trattenerle un giorno in più - ha affermato Roberta Guaineri, assessore allo sport, turismo, qualità della vita di Milano -, facendo comprendere che possono dedicare qualche ora al leisure". Le mosse messe in atto? Sono state comprendere che il turista che torna per motivi di business ha la necessità di scoprire la città "con un'offerta rinnovata". Da qui la scelta di "cambiare lo skyline cittadino in modo veloce, fornendo un'infrastruttura migliorata". L'altra mossa è quella di investire sulle iniziative diffuse, oltre agli eventi in fiera, anche fuori, per far scoprire la città. E' la mossa delle city weeks, cui seguiranno le pets weeks, occasioni che portano a “trattenere le persone sul territorio".

La strategia della Toscana

Cosa ha fatto la Toscana per attrarre un incoming di valore? Ha lavorato su più aspetti, Uno è il turismo avventura, "target ad altissima capacità di spesa, come lo sono gli amanti della bicicletta", fa presente Leila Pruneti, responsabile promozione & marketing di Toscana Promozione Turistica. Un altro segmento è quello del food & wine, "è molto forte, si aggancia al turismo d'affari e al leisure". A tal proposito è stata promossa una rete delle wine architecture, cioè quelle cantine che sono dei templi di architettura moderna e che diventano attrazione turistica, "è nata una rete che ne conta 14 solo in Toscana". Un altro segmento cui prestare attenzione è quello dello shopping tourism. Non ultimo quello del wedding, inteso come "destinazione romantica, non solo legato ai matrimoni - precisa la manager - è un segmento su cui abbiamo iniziato a lavorare". 

La soluzione di Risposte Turismo

Queste sono alcune delle mosse incoming messe in atto, che danno l'idea di quelle che sono le direzioni intraprese, ma secondo Anthony La Salandra, direttore operativo Risposte Turismo, la soluzione è presto detta, si deve trovare "l'eccellenza nell'offerta più che nella domanda, che attiri una domanda di un certo tipo. Per esempio il turista appassionato di shopping spende quattro volte di più, ci sono pertanto dei segmenti che hanno potenzialità più alte, ma dipende dall'eccellenza". Si tratta quindi di mettere a punto una strategia di offerta. s.v.

 

 

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte