EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Elefante, confortanti i dati di inizio d'anno

18/01/2019 16:31
La chiusura del 2018 ha visto un aumento di fatturato e passeggeri rispettivamente del 20% e dell'8%

"I dati delle vendite di inizio anno sono allineate alle previsioni, con andamento del primo quadrimestre a +8%". A tracciare un quadro del trend di inizio anno è l'a.d. di Viaggi dell'Elefante Enrico Ducrot. In particolare "le destinazioni migliori sono subcontinente Indiano, Medio Oriente, Egitto, Russia, Tanzania, Giappone, Asia Centrale - segnala il manager -. Leggero aumento per la Russia, Scandinavia, Sud America, Cina, Oceania, Sud Est Asiatico. In calo, invece, America Centrale, Indonesia. Positiva la chiusura del 2018, con aumento di fatturato e passeggeri rispettivamente del 20% e dell'8%.

Diverse le novità di programmazione dell'operatore. Tra queste si distinguono i tour in Europa Orientale (Serbia-Bosnia-Erzegovina, Ungheria, Romania, Bulgaria, Repubblica Ceca, Albania, Slovenia, Macedonia, Montenegro), l'Egitto, con la crociera sul Nilo in Dahabiya, il Giappone speciale con Ryokan. Sono state inoltre apportate varie ottimizzazioni nei tour in India e sono stati introdotti nuovi alberghi nelle offerte in Cina. Completano l'offerta vari itinerari in Brasile e Isola di Fernando di Norona e tariffe speciali per la Bawah Reserve, in Indonesia.

Non manca l'impegno dell'operatore sul fronte trade, con l'organizzazione di educational, presentazioni di prodotto, incontri con i product manager, webinar e attività di comarketing con le agenzie Punto Elefante.

Nel 2019 il calendario non è particolarmente favorevole per i ponti: come ritiene che ciò si rifletterà sulle prenotazioni durante le prossime festività, chiediamo? "È vero - risponde Ducrot -, ma il calendario merita di essere letto 'mezzo pieno': tra Pasqua, 25 Aprile e 1° maggio ci sono 'ponti' ideali per il medio e lungo raggio. Non credo che avremo delle penalizzazioni".

In merito, invece, al contratto commerciale, sono state introdotte alcune modifiche, con "commissioni più alte, obiettivi più realizzabili ed extracommission come bonus di fine anno", conclude Ducrot.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte