EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Patané: "Abbiamo creato la nuova filiera del turismo"

30/11/2018 08:33
La base è una politica di acquisizioni esterne, supportata da un lavoro successivo di integrazione dei diversi attori, mettendo tutto "a fattor comune, in modo che le parti interagiscano", sottolinea Andrea Gilardi

Una crescita step by step quella del Gruppo Uvet. Nel 2003 quando è partita la scommessa del BizTravel Forum, Uvet era un network che non aveva ancora Itn, "era una società totalmente diversa, da quell'anno la crescita del gruppo è stata vertiginosa. Abbiamo integrato altre realtà, aziende in Francia, in Svezia, abbiamo fatto acquisizioni ed abbiamo, poi, iniziato una sfida nuova, creare una filiera del turismo". Il presidente Luca Patanè, ha aperto con queste parole la convention del network, che si è tenuta ieri al BizTRavel Forum, per la prima volta a porte aperte. E già questo è indice di un cambiamento nella strategia di comunicazione della azienda. 

Il manager ripercorre i passi fatti nella costruzione della sua filiera, in primis l'operazione Settemari, "è stata un'opportunità buona, con un management dalla grande storia e buoni prodotti. La difficoltà - asserisce - è stato il cambio generazionale, farla diventare al passo con i tempi. Il management mi ha seguito e siamo riusciti a dare una identità nuova, un nuovo dinamismo che è difficile raggiungere nel settore". Poi c'è stata l'operazione Blue Panorama, "una storia interessante - commenta il manager -. Molte volte tutti pensano che le storie sono già scritte, mentre, invece, noi abbiamo capito che era una grandissima opportunità", soprattutto in quel momento e con quello scenario in cui Meridiana "andava a fare un altro mestiere con Air Italy, c'era Neos, ma se non fossi arrivato io, non l'avrebbe comprata nessuno".

C'è un punto che Patanè vuole sottolineare ed è il fatto che le acquisizioni sono sempre state fatte con la propria cassa, "reinvestendo quello che abbiamo guadagnato". Perchè comperare Blue Panorama? "E' venuto spontaneo per me acquisire questa azienda - afferma -, metterla al servizio di un gruppo, con tour operator, adv ed anche una piccola società alberghiera. In un anno e mezzo al massimo abbiamo fatto la rivoluzione, abbiamo realizzato tutte queste operazioni per creare qualche cosa di nuovo".

Patanè asserisce di aver costruito "la nuova filiera, che sta vedendo la luce adesso. E' la dimostrazione di qualche cosa che non c'era". Forse al primo impatto non è subito intuibile in cosa consista la novità dichiarata. Gli attori sono sempre quelli, disposti in assetto verticale, adv, tour operator, vettore, catena alberghiera, un modello che esite e che è già stato realizzato nel settore, ma ciò che lo distingue dall'esempio più storico ed immediato di filiera verticale (Ventaglio, ndr) è il fatto che in questo caso è stata creata seguendo una politica di acquisizioni, portata avanti dalla distribuzione, basti pensare all'operazione Settemari. E' il network che ha acquisito il t.o. Ed è su questo punto che Andrea Gilardi, direttore generale del network, mette alcuni puntini sulle i.

"Ventaglio ha generato tutto dall'interno - commenta il manager a Guida Viaggi -, Uvet per acquisizioni esterne. La filiera non vuol dire solo avere una società, ma mettere tutto a fattor comune, in modo tale che le parti interagiscano". In questa partita ognuno deve fare la sua parte, il network deve fare il network, "siamo distributori, il tour operator fa il tour operator e le adv vendono, è così che funziona la filiera, non diversamente, altrimenti si genera confusione. La distribuzione che fa il catalogo è superata - sostiene il manager -, ma deve piuttosto offrire un'ampiezza di gamma di prodotto, di vettori, di possibilità". s.v.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte