EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Ccl personale di bordo in Italia: Ryanair raggiunge l'accordo

25/09/2018 17:56
Durata triennale da venerdì 1° ottobre 2018 al 31 dicembre 2021

Ryanair oggi ha confermato di aver raggiunto un accordo per il contratto collettivo di lavoro (Ccl) del personale di cabina di Ryanair in Italia con i 3 principali sindacati del personale di bordo Fit Cisl, Anpac e Anpav da applicarsi a partire dal 1° ottobre 2018.

Avrà una durata di 3 anni: da venerdì 1° ottobre 2018 al 31 dicembre 2021, sarà soggetto alla legge italiana e ai tribunali italiani, consentirà il passaggio a contratti locali per il personale di cabina italiano entro un periodo concordato con accesso immediato alle tutele italiane come il congedo di maternità e paternità, offrirà una retribuzione maggiore sotto una nuova struttura retributiva che vedrà gli equipaggi beneficiare di maggiori quote esentasse (simile ad altre compagnie aeree italiane introdurrà il sistema pensionistico italiano nel pacchetto complessivo.

Eddie Wilson, chief people officer di Ryanair, ha affermato: "Abbiamo firmato un contratto collettivo di lavoro (Ccl) con i 3 sindacati italiani del personale di bordo, che sarà applicato a tutti i nostri membri dell’equipaggio basati in Italia e porterà miglioramenti significativi nella retribuzione e altri benefici per il nostro personale di bordo di base in Italia, a partire dal prossimo mese. Questo accordo segue quelli recentemente firmati con Forsa in Irlanda e con Unite nel Regno Unito. Questo accordo è ulteriore dimostrazione dei significativi progressi compiuti da Ryanair nel raggiungere accordi con i nostri dipendenti e i loro sindacati in diversi paesi dell'Ue, e smentisce le false affermazioni rilasciate da sindacati minori non coinvolti in queste negoziazioni, e che stanno minacciando scioperi, che non avranno luogo o non avranno successo. Abbiamo nuovamente invitato i nostri sindacati in Germania, Spagna e Portogallo a incontrarci per negoziare e ci auguriamo di concordare contratti collettivi di lavoro anche in questi ampi mercati”.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte