EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Smile Travel entra in Marsupio Group

24/09/2018 12:25
“Non c’è scambio societario, solo condivisione di servizi”, precisa il presidente Massimo Caravita, che aggiunge: “Noi non abbiamo sottonetwork ma relazioni paritetiche”

Smile Travel è un network  nato da meno di un anno cui abbiamo guardato subito con interesse”. Massimo Caravita, presidente Marsupio Group, a margine della convention di Montesilvano, ci conferma questa partnership. “Li abbiamo conosciuti, abbiamo visto il loro progetto ed è subito partita l’idea dell'alleanza, una sinergia simile ad altre già in atto”.

La collaborazione consente a Smile Travel di accedere a tutti gli strumenti di un network nazionale  come Marsupio fin dal suo esordio. “Non c'è nessuno scambio societario - specifica Caravita -  c'è solo una condivisione di servizi,  una collaborazione per offrire strumenti in più alle agenzie”.

Marsupio non è nuovo alle integrazioni orizzontali “aa attenzione: noi non abbiamo ‘sottonetwork’; con Fespit, con Achille Lauro abbiamo collaborazioni paritetiche, condividiamo una politica commerciale comune,  e poi ognuno gestisce autonomamente le proprie agenzie”.

Marsupio, giunto a 250 agenzie con un focus nel Centro Italia, attraverso queste partnership riesce ad avere una distribuzione omogenea sul territorio italiano e opporre leve commerciali efficaci. “Per noi è stato molto  importante avere un  partner come Smile Travel, un network in franchising, che ha un ‘time to market’ molto più veloce rispetto a un network con agenzie indipendenti”.  Ci spiega: “Per vendere un determinato tour operator l'agenzia in franchising ha bisogno che i codici le vengano aperti dalla sede, di conseguenza c'è un rapporto osmotico e continuo”. “Questo è il motivo per cui il movimento di mercato nelle acquisizioni di network ha visto soprattutto i franchising protagonisti ultimamente”.

Caravita non pensa invece all’integrazione verticale: “Se è ad opera di un tour operator per liberare il proprio magazzino”, la valuterebbe invece “se nascesse per ascoltare più direttamente le esigenze del cliente finale attraverso le agenzie”. l.s.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte