EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Ivano Zilio: "C'è ripresa in adv"

14/08/2018 09:33
Il cliente si è reso conto che l'online non è più conveniente come prima e il fai da te è più rischioso, a fronte delle nuove normative europee

"Una stagione un po' particolare", la definisce così Ivano Zilio, presidente di Primarete questa estate. "C'è stato un inizio strepitoso sul Mare Italia, poi un rallentamento a luglio, in termini assoluti di biglietteria Iata e di prodotto Italia - commenta il manager a Guida Viaggi -. Ricordiamoci che il 2017 è stato colpito dalla stagione degli attentati, il che ha fatto sì che gran parte della domanda ricadesse sull'Italia, in particolare sul nostro Mare Italia, mentre quest'anno si avverte una minore attenzione da parte degli italiani, che ora si sentono più sicuri", condizione che li fa guardare oltre confine.

In più il manager aggiunge il fattore "governo nuovo" e la considerazione che "nell'incertezza la tendenza è spendere meno e così gli italiani hanno preferito andare cauti. Infatti, non pensiamo che la crisi sia passata nella fascia medio-bassa".

Quanto alle scelte del mercato sul fronte dei prodotti, il manager constata che le crociere vanno bene, "lo sviluppo crocieristico continua ad esserci, dai dati posso affermare che il bacino mediterraneo è in primo piano, c'è un aumento in Spagna, una piccola crescita in Tunisia, un ritorno della domanda per la Turchia, per la quale tornerà anche la programmazione crociere, e il Mar Rosso". 

Secondo l'osservatorio di Primarete anche Malta, Croazia e Cipro "hanno avuto una crescita che va a rosicchiare quote al Mare Italia, a causa anche del prezzo. Lo scorso anno c'è stato un forte rincaro in tal senso - osserva il manager -, quest'anno la crescita dei prezzi è stata ovunque dal 10 al 20% in media", certo dipende dalle destinazioni, ma la forbice pare essere questa e "lo stesso si può dire per le crociere".  

Un dato di fatto è che "c'è ripresa in adv, quelle che sanno lavorare bene riscontrano una positività sicura e il cliente, dal canto suo, si è reso conto che l'online non è più conveniente così come era percepito prima, inoltre, il fai da te è più rischioso ora (a fronte delle nuove normative europee, ndr) e il cliente lo ha compreso". 

Da qui, come già anticipato, la decisione del manager di ripartire con la campagna #inagenziaconviene, per spiegare il perchè di ciò e di questo messaggio. Zilio viene dalla grande distribuzione e conosce molto bene i segreti del marketing, per questo si sente di poter essere critico su come il settore turistico tende a far uso della comunicazione. "In passato sono stati fatti degli errori sul marketing, usando le leve della comunicazione non in modo corretto - osserva -, dando messaggi che non erano volti ad incentivare il cliente ad entrare in agenzia , spiegando che ciò è una garanzia". Per questo ben venga tutto ciò che pone l'accento sulla professionalità del settore e sul fatto che "andare in adv comporti vantaggi concreti", così come è stato sottolineato dalla campagna lanciata da Astoi, #seigiainvacanzaquando, commenta Zilio. s.v.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us