EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Linea dura dei sindacati contro Sncf Italia

10/08/2018 08:40
“Applichi il contratto e le istituzioni escano dal silenzio”, così Filt-Cgil, Fit-Cisl e Fast-Confsal

I sindacati lamentano la totale mancanza di collaborazione con Sncf Voyages Italia che ha deciso di chiudere l'ufficio: “Da tempo chiediamo un incontro per affrontare il problema e l’azienda ci ha sempre ignorati. Ora invece che abbiamo indetto, nel rispetto della legge italiana, uno sciopero il prossimo 5 ottobre, l’azienda si decide a riceverci il prossimo 22 agosto ma accusandoci di aver usato come mezzo di pressione lo sciopero indetto, a suo dire, in violazione delle regole italiane e di aver danneggiato la propria immagine, valutando anche conseguenti azioni legali. Per noi sono accuse non solo inaccettabili e velatamente intimidatorie, ma chiaramente mirate a sollevare un polverone per nascondere le inadempienze sul contratto”.

Le tre sigle Filt-Cgil, Fit-Cisl e Fast-Confsal rivendicano la legittimità delle azioni e si augurano che l’azienda non si sottragga alle proprie responsabilità sulla mancata applicazione del contratto collettivo nazionale della mobilità, area attività ferroviarie.

Aggiungendo che questo significherebbe “da parte di un’azienda di trasporto ferroviario passeggeri, operante in Italia, non giocare ad armi pari con le concorrenti, a scapito dei lavoratori”.

Da parte dei sindacati viene anche la lamentela sul silenzio del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti così come della Commissione di garanzia sugli scioperi e dell’Autorità di regolazione dei trasporti.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte