EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Per Fiavet un gruppo di lavoro "under 40"

23/05/2018 12:10
E' l'idea che appoggia Ivana Jelinic, candidata alla presidenza nazionale, per ridare dinamismo e visione prospettica all'associazione. Il passo avanti della direttiva sul turismo scolastico

Gian Marco Centinaio (il probabile futuro ministro del Turismo di area leghista, ndr) ho avuto occasione di incontrarlo in tempi non sospetti. Ci siamo ritrovati a parlare di turismo in ambito pubblico in un paio di occasioni e devo dire che ha idea di cosa sia il turismo, e non è poi così scontato”. A parlare è Ivana Jelinic, presidente di Fiavet Umbria e candidata alla presidenza nazionale.

“Certo – aggiunge - sarebbe un sogno avere un ministero ad hoc per il Turismo, svincolato dalla Cultura, e magari con portafoglio. Implicherebbe una svolta per tutta la filiera e permetterebbe a questo settore di crescere e superare tanti gap”.

Non si arresta, intanto, la corsa alle elezioni del 30 maggio, che la vede impegnata in confronti continui con le altre regionali. Annuncia di essersi fatta portavoce di una idea (“non è mia”, sottolinea per correttezza) “è la creazione di un gruppo di lavoro composto da giovani Fiavet, figure professionali under 40 che abbiano voglia di mettersi in gioco e iniziare un percorso nella vita associativa”. Ogni presidente regionale dovrebbe indicare un candidato per far parte del tavolo, “che avrebbe carta bianca e rappresenterebbe una porta spalancata sul mondo, in grado di guardare in prospettiva per capire dove vorremmo essere tra 10 anni. Un gruppo che dovrebbe seguire progetti innovativi e digitali e garantire, oltre ai momenti formali, un contatto costante e dinamico con i partecipanti”.

Altro tema che ritiene sia un passo avanti nel work in progress della Direttiva Europea Pacchetti Turistici, riguarda il fenomeno del turismo scolastico, “inizialmente non previsto all’interno della direttiva e ora invece inserito, un passo importante – sottolinea - perché questo è un settore delicato e perché il tema riguarda i ragazzi. Le giovani generazioni rappresentano il nostro bene più importante e c’è tanto da fare". L’inserimento della tematica ha per Jelinic un valore fondamentale, “perché in definitiva riconosce che le agenzie di viaggio sono gli unici soggetti titolati e preposti a organizzare viaggi di turismo scolastico”. Non mancano però le necessità di chiarimento: “Menzionerei una proposta di tabelle attuative in collaborazione con il Miur, che diano indicazioni sulla valutazione delle gare secondo criteri di affidabilità e sicurezza. Il prezzo non può essere l’unica leva quando in gioco c’è la sicurezza dei ragazzi”. Ecco che avere parametri oggettivi per un benchmark dei preventivi potrebbe eliminare tanta confusione anche all’interno delle scuole. l.d.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte