EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Tecnologia negli hotel: bot, banda larga, beacon e pagamenti virtuali

30/03/2018 09:00
Dal 22 al 25 aprile l'Atm di Dubai; secondo una ricerca Colliers metà dei pagamenti negli hotel avverranno tramite piattaforme di pagamento mobile o virtuali entro il 2021

La tecnologia sarà uno degli aspetti portanti alla 25esima edizione dell’Arabian Travel Market, di scena a Dubai dal 22 al 25 aprile e che Guida Viaggi seguirà in diretta. In particolare l’industria alberghiera fronteggerà investimenti importanti  per ampliare la banda e fidelizzare i viaggiatori digitali.

In media un hotel di 300 camere a Dubai sosterrà un conto di mezzo milione di euro (2,45 milioni di dirham) nei prossimi 5 anni. Il dato, calcolato dalla società di consulenza Colliers International, è basato sull'ospite medio che attualmente collega fino a tre dispositivi diversi al wifi di un hotel durante il suo soggiorno, aumentando così la tensione complessiva sulla larghezza di banda esistente all'interno di ciascuna proprietà.

La stima rivela inoltre che gli hotel che non riescono a mantenere gli standard attuali metteranno a repentaglio la lealtà degli ospiti, poiché secondo alcune ricerche il 68% rivela di non voler tornare in un hotel con scarso accesso a internet.

Simon Press, senior exhibition director di Atm, ha spiegato: “Per mantenere la velocità e la qualità della connessione attuale, ogni hotel deve realizzare investimenti multimilionari (in dirham) in in nuove tecnologie, sistemi e funzionalità. L'investimento della larghezza di banda è una tendenza chiave prevista per trasformare l'industria dell'ospitalità regionale nei prossimi cinque anni".

La travel technology è l’area in più rapida crescita all’Arabian Travel Market, in aumento del 12% in termini di espositori rispetto al 2017. Tra i partecipanti, espositori  come TravelClick, Travelport, Sabre, GT Beds, The Booking Expert, Inplass, XmlHoliday e DidaTravel Technology Ltd. Per la prima volta sarà presente Travelflex, una criptovaluta che aiuta a risolvere i problemi di scalabilità che altre monete stanno affrontando al momento.

Guardando al futuro, è prevista l’introduzione di un sempre maggior numero di chatbot negli hotel per gestire le domande più frequenti dei clienti, durante e dopo la prenotazione. Colliers prevede che il 79% di tutte le interazioni b2c saranno eseguite da questi bot negli hotel del Medio Oriente entro il 2020.

Un altro tema chiave è il test dei beacon Bluetooth nelle hall degli hotel e negli spazi pubblici, che consentono l'invio di flash marketing “on demand” tramite le app dell'hotel.

Inoltre, i sistemi di pagamento virtuali influenzeranno fortemente gli sviluppi fintech come Apple Pay, Samsung Pay e Google Pay, eliminando il numero di pagamenti in contanti. Colliers prevede che metà dei pagamenti in hotel verranno effettuati utilizzando piattaforme di pagamento mobili o virtuali entro il 2021.

Simon Press ha aggiunto: "Gran parte dell'innovazione che abbiamo visto nel settore dei viaggi è focalizzata sulla facilitazione del viaggio ai passeggeri, garantendo sempre più flessibilità, personalizzazione e autenticità. Sono queste le chiavi per migliorare il viaggio complessivo di un ospite e questa ricerca lo riflette in pieno”.

Il 72% dei viaggiatori che si recano negli Emirati Arabi e in Arabia Saudita con un account Instagram, ha acquistato un viaggio all'estero nel corso dell'ultimo anno e una sessione guidata dalla piattaforma dei social media evidenzierà il modo in cui immagini potenti possono ispirare i potenziali viaggiatori e di conseguenza guidare il business.

Nel 2017 l’Arabian Travel Market ha accolto oltre 39.000 persone, tra cui 2.661 aziende espositrici, che hanno firmato contratti per un valore di oltre 2,5 miliardi di dollari (2 miliardi di euro) nei quattro giorni di fiera. l.d.

 

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte