EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Cwt Italia: c'è l'accordo, salva la sede di Torino

20/03/2018 11:38
"Si argina la situazione emergenziale, ma non si risolve il problema alla radice", dice Luca De Zolt, Filcams Cgil Nazionale. Chiesto al Mise un tavolo sul settore

Nel tardo pomeriggio di ieri Filcams Cgil, Fisascat Cisl, UilTucs hanno sottoscritto un accordo con Carlson Wagonlit Italia, multinazionale dei viaggi di affari, che prevede l'impegno della società a non chiudere la sede di Torino e a raccogliere adesioni alla mobilità in modo esclusivamente volontario su base nazionale.

"Si tratta di un accordo importante - sottolinea in una nota Luca De Zolt della Filcams Cgil Nazionale - perchè Cwt ha rivisto la sua posizione iniziale, un passaggio non scontato trattandosi di una multinazionale che risponde a decisioni extranazionali", ha fatto presente il sindacalista.

Già due anni fa Cwt aveva annunciato uno snellimento della sua presenza nei Paesi dell'Europa occidentale con l'obiettivo di ridurre al minimo le sedi per ciascun Paese e di costituire alcuni centri operativi nei Paesi dell'Europa dell'Est. Parallelamente questo progetto prevedeva lo spostamento dei servizi per i Paese di lingua spagnola in Costa Rica.

"È un progetto mondiale che rincorre le logiche più negative della globalizzazione, ovvero la rincorsa all'abbassamento del costo del lavoro, anche a scapito del servizio. In Italia Carlson ha già chiuso le sedi di Firenze, Bologna e Padova, con ripercussioni anche sul mantenimento dei clienti legati al territorio - aggiunge De Zolt -. Il mercato del business travel necessita di una regolamentazione che tuteli il servizio e l'occupazione di qualità. L'accordo con Carlson argina la situazione emergenziale creata su Torino, ma non risolve il problema alla radice. Per questo chiediamo che il Mise apra un tavolo sul settore, come proposto dal ministro Calenda proprio nell'incontro svolto sulla vertenza Carlson alla fine di gennaio". 

Cwt fa sapere in una nota di aver ritirato la procedura di licenziamento collettivo aperta per i dipendenti dell’ufficio di Torino e che l'accordo firmato con i sindacati prevede il ricorso a soluzioni alternative per gli esuberi previsti. Le misure concordate nell’incontro si fondano su una mobilità volontaria che sarà realizzata su tutto il territorio nazionale consentendo di evitare la chiusura totale della sede Cwt di Torino.

"Fin da subito ci siamo concentrati su soluzioni che minimizzassero gli impatti delle modifiche nell’assetto occupazionale - dichiara Antonio Calegari, vp e country director di Cwt per Italia e Grecia –. L’accordo raggiunto sottolinea la nostra volontà di gestire questa transizione in modo attento, responsabile ed etico, salvaguardando al tempo stesso le migliori competenze presenti all’interno della nostra organizzazione".

 

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us