EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Ventaglio: “Ci vuole massa critica per essere esportabili”

06/07/2017 17:35
"L'offerta italiana non riesce a rappresentare uno standard riconoscibile all'estero"

“L’Italia è ancora top of mind destination ma non riesce a tradurre questa intenzione di viaggi in arrivi concreti. C’è un corto circuito di mezzo”. Così si è espresso Enzo Carella, vicepresidente Ventaglio, illustrando le potenzialità turistiche del nostro mercato. “L’offerta – ha aggiunto - è frammentata e differenziata e non riesce a rappresentare uno standard riconoscibile all’estero. Questo comporta un’incapacità di relazionarsi con i grandi operatori internazionali e va da una serie di iter burocratici come l’emissione di licenze, autorizzazioni, fino alle categorie e al cibo”.

C’è, secondo il manager, un elemento distonico “e il nostro compito è raggiungere una massa critica per essere esportabili”. I consumatori hanno modificato il proprio modo di acquistare e di fruire della vacanza. Da questo assunto è partito il management per dire che “il brand Ventaglio va ricostruito su basi nuove, che consentano di riportarlo sul mercato italiano e di farlo diventare un brand da esportazione”.

Con il trade i contatti sono già avviati, ma a questo proposito Carella afferma: “Noi dobbiamo dimostrare di essere un operatore reale e le reti distributive, che ci hanno accolto a braccia aperte, devono dimostrare di dare valore aggiunto”. l.d.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte