EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Sea Prime svela sviluppi infrastrutturali e nuove partnership

25/05/2017 12:20
Per Milano Linate Prime e Milano Malpensa Prime in programma un piano fino al 2020 di circa 17 milioni di euro

Sea Prime, con il nuovo brand Milano Prime che include i due scali di business aviation di Milano Linate Prime e la futura Milano Malpensa Prime, ha presentato a Ebace 2017 i nuovi sviluppi infrastrutturali e le nuove partnership, forte di un 2016 in crescita.

Il 2016 si è infatti chiuso con 11,4 milioni di euro di ricavi (in crescita dell’1% a perimetro costante), un Ebitda pari a 3,9 milioni di euro (34% sui ricavi) e un utile netto di 2,1 milioni di euro (19% sui ricavi), con una forte crescita del 20% rispetto al 2015.

Per lo sviluppo infrastrutturale di Milano Linate Prime e di Milano Malpensa Prime, è in programma un piano d’investimenti fino al 2020 di circa 17 milioni di euro, che prevede tra l’altro un nuovo Fixed-Base Operator (Fbo) a Milano Malpensa e nuovi hangar a Milano Linate.

Proprio dei mesi scorsi è l’avvio ufficiale delle attività per l’apertura di Milano Malpensa Prime, il nuovo Fbo dell’aeroporto di Malpensa, prevista nei prossimi mesi, con un nuovo Gat di ca 1.200 mq e un hangar di ca 5.000 mq per il ricovero degli aeromobili, quest'ultimo già operativo dal terzo quadrimestre del 2017.

“I nostri progetti per lo sviluppo del segmento di business aviation a Milano, in sinergia con lo sviluppo infrastrutturale dei nostri scali, sono ancora molto ambiziosi e crediamo che la prossima apertura di Milano Malpensa Prime, con un servizio dedicato alla clientela della business aviation, rappresenterà un acceleratore per raggiungere i nostri obiettivi”, ha dichiarato Giulio De Metrio, presidente di Sea Prime e chief operating officer di Sea.

Nel 2016 lo scalo di Milano Linate Prime si è confermato hub attrattivo per gli investimenti e per le partnership internazionali, registrando oltre 20.700 movimenti, rispetto ai 22.600 del 2015; una differenza che va letta alla luce dell’effetto Expo 2015 sul segmento della business aviation, che ha visto un picco di traffico legato in particolare ai voli istituzionali e alle delegazioni da e per gli oltre 130 Paesi partecipanti all’Esposizione Universale. Il numero dei movimenti nel 2016 colloca comunque Milano Linate Prime al primo posto tra gli aeroporti di aviazione generale e business in Italia e tra i primi 10 scali di BG&A in Europa. Nei primi giorni di maggio il traffico ha registrato una crescita di circa il 30% rispetto allo stesso periodo del 2016, confermando un inizio di anno positivo.

Il 2016 ha visto importanti investimenti infrastrutturali, con la costruzione e la consegna a marzo 2017 di un nuovo hangar di circa 3.900 mq adatto a ricoverare aeromobili di ultima generazione e già destinato a una importante multinazionale.

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte