EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Appia Antica: un progetto per la più grande ciclovia della Capitale

07/03/2016 17:52
Si chiama Grab, grande raccordo anulare delle biciclette, e coniuga la tutela dell’area archeologica all'urgente necessità di restituire a cittadini e turisti un patrimonio storico-naturalistico unico al mondo

 

Ridare vita e dignità al Parco dell’Appia Antica, con i suoi mausolei, i
suoi acquedotti, le ville patrizie e le catacombe. Subito e concretamente.
Ad intervenire sul tema, approfondito nel corso di un dibattito che si è
tenuto questa mattina a Roma nella sede del Touring Club Italiano, è stato
il ministro del turismo, Dario Franceschini, che ha detto: “Occorre
comprendere che la crescita del turismo a Roma non è più soltanto
un’opportunità, ma una necessità e la Via Appia si inserisce proprio
all’interno di quel modello di turismo che intende svincolare alcuni luoghi
dalla logica del sovraffollamento valorizzandone altri troppo poco
frequentati - ha affermato il ministro - la crescita delle presenze turistiche
deve aiutare la tutela, non ostacolarla, ed è per questa ragione che nella
logica dei percorsi turistici e dei cammini su cui il Ministero sta
lavorando da oltre un anno l’Appia Antica riveste un ruolo da regina. Ora
per la sua gestione c’è finalmente un coordinamento unitario tra le 4
regioni che attraversa, dal Lazio alla Puglia, e nel tratto romano una
gestione unica”.

Il Grab, il grande raccordo anulare delle biciclette, ideato e promosso da
Legambiente, Touring Club Italiano, VeloLove e Parco Regionale dell’Appia
Antica, oggi torna dunque ad imporsi all’attenzione come progetto in grado
di dare vita alla più grande ciclovia della Capitale.

Prima dell’avvio del Giubileo il tratto del Grab tra l’Arco di Costantino e
il Mausoleo di Cecilia Metella doveva già essere avviato, ma il
commissariamento del Comune di Roma ne aveva minato la definizione. Ora per
pedoni e ciclisti, stranieri e cittadini, si intravede la possibilità di
poter attraversare un unico parco monumentale, dai Fori alla Regina Viarum,
una strada che purtroppo continua tutt’ora ad essere ingolfata da traffico,
abusivismo edilizio e pessime condizioni di viabilità.

“Il Parco regionale dell’Appia Antica rappresenta per eccellenza il
contrasto tra conservazione e valorizzazione di un patrimonio storico e
paesaggistico - ha detto Rossela Muroni, presidente di Legambiente - il Grab
concilierebbe mobilità sostenibile e fruibilità dei luoghi, riavvicinando
anche gli abitanti stessi alla città - e con un’attualizzazione politica
della tematica ha concluso -. Chi si candida a governare Roma oggi dovrebbe
saper far convivere le istanze più moderne alla tutela”. a.te.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte