EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Lungo raggio e mercato domestico, lo scatto di Alitalia

04/05/2015 12:27
Santiago del Cile alternativa a Caracas, livrea nuova il 4 giugno in simultanea con i due A330, da Malpensa sviluppo del cargo. Per Cuba “pronti a cogliere opportunità”. Via i vecchi Coa
I due Airbus 330 da giugno, il Milano-Shanghai che parte oggi, la presentazione della nuova livrea il mese prossimo: sono questi i segnali che l’a.d. di Alitalia, Silvano Cassano, porta a esempio della nuova compagnia affiancata da Etihad verso un futuro di successo. Siamo all’inaugurazione del padiglione della compagnia a Expo - casa a due piani di sobrio lusso, con simulatori di volo per il pubblico e area gioco per i bimbi al piano terra, mentre di sopra salotti e show kitchen per eventi a invito, circondata dalle cabine di prima classe della lotta di lungo raggio di Etihad -, durante la quale l’onore del taglio del nastro viene condiviso con James Hogan, ceo della compagnia di Abu Dhabi e vice presidente di Az, ammirato dall'innegabile raffinatezza del contesto. Le sue parole sono sull’Esposizione milanese che nel primo giorno ha accolto 200mila visitatori, sulla “promozione in tutto il mondo grazie alle connessioni verso l’Italia con i nostri network integrati”.
Cassano, invece, torna a sottolineare il percorso intrapreso verso l’innalzamento della qualità dei servizi e l’incremento di flotta. “I due A330 arrivano a giugno con la nuova configurazione di business e prima classe, stiamo andando verso l’essere un’ottima compagnia alle cinque stelle grazie a Etihad, che ci permette il consolidamento finanziario e gli investimenti sul lungo raggio – argomenta -. Oltre a Seoul, Pechino e Shanghai avremo altri rinforzi sull’America Latina, dove abbiamo dovuto sospendere Caracas per i problemi economici del Paese, ma ci sono già altre alternative. Il volo per Santiago del Cile sarà diretto e con aereo di Alitalia”.

”Ci riprendiamo il domestico”
“Dalle vendite di questi primi mesi dell’anno stiamo ricevendo grossi segnali, continueremo con campagne aggressive, anche sul domestico – aggiunge Cassano. Non dimentichiamo che l’Italia è il nostro mercato e vogliamo riprendercelo”. Alitalia, lascia intendere l’a.d., attaccherà con una politica di prezzi aggressiva il mercato interno, con l’intenzione di riguadagnare le quote perse in questi anni tra alta velocità ferroviaria e low cost carrier. Su Malpensa dichiara: “Stiamo lavorando bene con Sea, svilupperemo anche il cargo, mentre grazie ai collegamenti via Abu Dhabi avremo rotte forti sull’Asia”. Quanto a Cuba, invece, non è attualmente nei piani “ma siamo pronti a cogliere le opportunità”, conclude il manager.

Via i vecchi Coa
Un dettaglio di cui si sono accorti gli esperti di aviazione è che Alitalia sta chiudendo i vecchi Coa, ormai senza attività. Ad esempio Cai First e Cai Second, così come quello di AirOne. Alcuni di essi tenuti in vita con un solo aeromobile, servivano a mantenere slot e la possibilità di operare più rotte da uno scalo “contingentato”, secondo la limitazione di legge che impone di effettuare con un singolo certificato di operatore aereo un numero limitato di collegamenti verso una singola destinazione. Questa volontà “di ordine” è un effetto della collaborazione con Etihad, come anche alcuni report sugli accordi sindacali riportano. p.ba.

TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us