EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

L’Europa vuole trasparenza, nei viaggi comincia dall’e-commerce

16/06/2014 16:13
E’ entrato in vigore il nuovo regolamento che intende uniformare le regole negli Stati per gli acquisti online superiori ai 50 euro e si prepara la proposta di revisione delle norme sui pacchetti di viaggio
L’Europa vuole trasparenza e più garanzie per i consumatori, queste le principali ragioni della revisione di diverse normative che la Commissione sta attuando e che riguardano il settore del turismo.
Si comincia con quella dell’e-commerce che è entrata in vigore il 13 giugno e vede tra le “ufficializzazioni” quella del prezzo unico: tasse supplementari e costi aggiuntivi devono essere specificati prima dell’ordine e non possono essere addebitati in nessun caso dopo l’acquisto online. Indipendentemente dal sistema di pagamento utilizzato: nel caso di pagamenti con carte di credito viene stabilito un massimale e chi vende non può addebitare costi superiori a quelli sostenuti per l’offerta di tali sistemi di e-payment.
I cambiamenti europei proseguono poi con la proposta di revisione delle norme che disciplinano i pacchetti di viaggio nei rapporti tra acquirenti e organizzatori, di cui Guida Viaggi pubblicherà l’approfondimento sul numero del 23 giugno. Intanto, l’articolo sulle nuove regole dell’e-commerce appare già oggi sul settimanale in distribuzione e online qui. p.ba.

TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte