EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Pagliaroli: “Valmare è operativa”

04/03/2014 15:40
L’a.d. della società conferma a Guida Viaggi che “il parziale pagamento del Bsp in scadenza il 17 febbraio è dovuto a difficoltà finanziarie contingenti, essenzialmente imputabili al ritardato reperimento di strumenti finanziari idonei a supportare lo start up dell’iniziativa”. La società sta definendo con Iata il piano di rientro
“Non posso, né voglio negare o celare il parziale pagamento del Bsp in scadenza il 17 febbraio. Senza voler minimizzare la criticità, da un punto di vista pratico, la problematica è ascrivibile a difficoltà finanziarie contingenti, essenzialmente imputabili al ritardato reperimento di strumenti finanziari idonei a supportare lo start up di una iniziativa complessa. Purtroppo le difficoltà e le lungaggini nell’accesso al credito, non ci hanno consentito di rispettare la programmazione finanziaria che ci eravamo dati'. E’ questa la dichiarazione che Andrea Pagliaroli, a.d. di Valmare, ha rilasciato a Guida Viaggi in merito ai rumors di mercato che parlano di insolvenza legata al Bsp.
Il manager, interpellato in merito, dà piena disponibilità a voler chiarire la situazione contingente. Tra gli aspetti che gli preme sottolineare “la ferma convinzione del management nella continuità aziendale, anche attraverso opportuni quanto probabili rimpasti societari che consentano a Valmare di attingere, finalmente, a strumenti finanziari consoni all’ampiezza e all’importanza del progetto. L’intera iniziativa - sottolinea Pagliaroli - è iniziata il 1 novembre 2013 e, malgrado la delicata situazione contingente, è ancora possibile recuperare lo start up del progetto, recuperando, nel contempo, solidità, credibilità e soprattutto operatività”. In termini di operatività, basica, il manager ribadisce che 'i servizi turistici sono, a tutt’oggi, garantiti ed erogati ai nostri clienti e ai punti vendita”.
In merito al restante pagamento del Bsp, la società sta definendo con Iata “il piano di rientro, sul quale ci siamo attivati immediatamente, inviando a Iata idonea proposta il 21 febbraio. Anche da ciò è evidente il nostro intendimento di non voler risultare insolventi”, afferma il manager.
“Per quanto riguarda LeMarmotte, come dichiarato fin dall’inizio dell’operazione – precisa Manuela Marazzini, responsabile marketing e prodotto LeMarmotte - il network continua a mantenere la propria identità, con una sua autonomia gestionale e operativa”. s.v.

TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte