EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - Paesi al microscopio - Nord Africa

L’Egitto non si ferma: nessuna cancellazione

17/04/2017 - numero Edizione 1524

 Secondo Astoi Confindustria Viaggi per la primavera reggono le prenotazioni sul Mar Rosso 

Nessuna cancellazione sulle prossime partenze verso l'Egitto. La notizia arriva da Astoi Confindustria Viaggi, che segnala come per il periodo primaverile le prenotazioni sul Mar Rosso reggano. Nonostante i gravi episodi dei giorni scorsi e la dichiarazione di stato di emergenza nel Paese per tre mesi, da parte del presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi, il turismo sembra risentirne solo in parte. “Gli eventi sono circoscritti alle località di Tanta a Nord del Cairo e di Alessandria, aree non programmate dai tour operator Astoi. Per quanto riguarda l’area del Mar Rosso, che negli ultimi mesi è stata caratterizzata da una costante crescita delle prenotazioni e, quindi, è rientrata nelle mete preferite dagli italiani, abbiamo ricevuto, ad oggi, solo richieste di informazioni ma nessuna cancellazione”, ha chiarito nei giorni scorsi il presidente di Astoi, Nardo Filippetti.

Bene il Mar Rosso
Si confermano dunque i segnali di ripresa dei flussi nel Paese, già più volte annunciati, in particolare nell’area del Mar Rosso.
Secondo l’Osservatorio Pasqua di Astoi, la zona sta riconquistando le preferenze degli italiani. Marsa Alam, Sharm El Sheikh e Hurghada sono mete apprezzate per la vicinanza con l’Italia, per il clima costantemente caldo e per l'ottimo rapporto qualità/ prezzo.
Sono aumentati i collegamenti aerei, sintomo di rinnovata fiducia da parte dei vettori, e i tour operator hanno ripreso le regolari programmazioni: “Traspare una ritrovata serenità, sintomo di un’auspicabile continuità nei flussi”, si legge in una nota Astoi.
Dello stesso parere l’ente del Turismo:  “Negli ultimi mesi abbiamo registrato un aumento del flusso turistico dall’Italia", ha detto il direttore dell'ente del Turismo Emad Fathy Abdalla, e ancora: " Nel periodo di Natale abbiamo accolto il 19% in più di turisti provenienti dall’Italia, rispetto a dicembre 2015. I dati continuano ad essere incoraggianti anche nel 2017, tanto che a febbraio abbiamo avuto un incremento del 26% rispetto allo stesso periodo del 2016. Siamo fiduciosi che questi segnali positivi possano incoraggiare i turisti a tornare in Egitto e gli operatori a continuare ad investire nel Paese, come hanno di recente ripreso a fare. Per il 2017, prevediamo 8 milioni di turisti da tutto il mondo”.

Nuovi
voli charter

A dimostrazione dell’importanza del Paese e del supporto dei tour operator, di recente sono stati incrementati i collegamenti tra Italia e l’Egitto con l’introduzione di nuovi voli charter da alcune delle principali città italiane tra cui Napoli, Bari e Roma-Fiumicino.

Insieme ai t.o.
Gli operatori italiani continuano a credere nella destinazione, nonostante la situazione rimanga ancora incerta. L'ultimo in ordine di tempo, Settemari. “C’è evidenza che i turisti stanno ritornando in Egitto - ha detto il presidente Mario Roci -. Alcuni mercati, come quello tedesco, hanno già ripreso, con numeri molto importanti; altri, come quello italiano, sono presenti in maniera cospicua soprattutto nell'area di Marsa Alam. Anche durante i contatti che ho avuto recentemente, qui in Italia, con gli agenti di viaggio, si commentava che i clienti tornano a richiedere l’Egitto e che, soprattutto, le agenzie ricominciano a proporlo”.
Si saprà solo nelle prossime settimane se il clima nel Paese frenerà di nuovo il turismo internazionale.                    



Alessandra Gesuelli

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Consulta gli ultimi annunci inseriti